News
’AFEFF 3 mesi fa - lunedì 23 aprile 2018

Non è della bella attrice e modella tunisina che ti voglio parlare – non la conosco proprio – ma delle polizze vita e di una cosa mia. Mi scrive Tiziano per conto della figlia, una giovane che ha da poco iniziato a lavorare e che previdentemente si è “aperta” un fondo pensione. Una giusta scelta. Capita però che una cara amica della figlia di Tiziano le consigli anche una polizza vita. In aggiunta, o in sostituzione, al fondo. Tiziano da padre diligente vuol sapere se il consiglio dell’amica sia buono e chiede a me (direttore@altroconsumo.it). Tiziano ha avuto la sua risposta, ma ho anche voluto dedicargli un articolo – lo trovi all’interno. Perché? In fondo di domande come la sua me ne arrivano tante: “Mi hanno consigliato questa polizza vita: è buona?”, oppure: “Mi dicono che questa polizza vita è meglio di un fondo pensione, è vero?”, o ancora: “Le risulta che con le polizze vita non pago le tasse di successione?”. Tutte un po’ così queste domande. Tutte ricevono la loro risposta. Le polizze costano care. Troppo. C’è sempre di meglio. Nel caso di Tiziano, la figlia verserebbe in 25 anni 50.000 euro e alla scadenza ne ritirerebbe 49.000 e spicci. Questo per via degli alti costi. In questo periodo le domande sulle polizze sono addirittura aumentate. Ne deduco che la forza vendita delle assicurazioni è più agguerrita che mai. Non mi stupisce, con le polizze si fanno dei bei soldi. Loro fanno i soldi. Ma capisco bene anche il problema dei venditori. Hanno alle spalle una società che programma, che dà loro degli obiettivi da raggiungere: “Vendi tot polizze, fattura tot di commissioni…” E così loro ti stanno addosso nella loro personale lotta darwiniana per sopravvivere e incassare un bonus, una pacca sulla spalla dal capo o, quantomeno, conservare il posto di lavoro. Vengo alla cosa mia. Anch’io ho ricevuto degli obiettivi. Sei curioso di sapere quali sono? Far volare ‘AFeff… Che è la Feff? Feff è un acronimo inglese, sta per first experience for free, e vuol dire che chi viene sul sito altroconsumo.it/finanza, anche se non è abbonato, può consultare gratis fino a cinque contenuti riservati, e poi, beh poi se ci prende gusto non c’è storia: si deve abbonare. Su questo conto. Ti va di darmi una mano? Tranquillo, non devi comprare nessun prodotto bidone, dì solo ai tuoi amici, ai tuoi parenti, a chiunque che possono venire sul nostro sito e che le prime cinque volte è gratis. Va che controllo!

 

Vincenzo Somma

Direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo