News
Agenzia immobiliare 2 mesi fa - lunedì 2 luglio 2018

«AAA offresi villa indipendente 220 mq su due livelli con parco privato. Al piano terreno: salotto triplo, grande cucina, studio, bagno. Al primo piano: tre camere, due bagni e una splendida terrazza. Solo 1,3 milioni di euro». Sarà per la posizione – saremo a meno di 1000 metri in linea d’aria dalla Basilica di Santa croce – sarà perché il quartiere è scic – la prima collina affacciata su Firenze – la villa li vale tutti il milione e trecentomila euri richiesti. Anche i 15.800 euro di provvigioni voluti dall’agenzia a ben vedere non son tanti: solo l’1,22%. Di solito, per affari più contenuti, le agenzie immobiliari chiedono il 3% a chi vende e il 3% a chi acquista. E per cosa? Pubblicare annunci, fare da guida a qualche visitatore e avviare delle pratiche burocratiche. Aggiungi giacca, cravatta e sorrisi e abbiamo finito. Mentre medito su queste e altre cose ecco che Livio – un lettore come te - mi scrive: “la mia banca mi ha proposto di comprare un certificate su azioni Intesa SanPaolo. Che faccio?”. Non è la prima volta che ti parlo di certificate, ma facciamo un ripassino, visto che le banche han ripreso a far pressing con i certificate. Il perché lo capirai tra un attimo. Il certificate è, né più né meno, come un buono pasto. Ma mentre questi ti dan diritto a un panino il certificate ti dà diritto a investire in un’azione con delle promesse apparentemente allettanti (protezione dalle perdite). Di fatto, però, se l’azione in cui hai investito attraverso il certificate va molto bene a te danno solo le briciole; se non va né benissimo, né malissimo ti danno un guadagno che non differisce molto da quello che avresti prendendo l’azione e incassando il dividendo; se invece va proprio male… allora beh, in questo caso ti cucchi l’azione e le perdite sono tue. La banca potrebbe consigliarti prodotti molto più trasparenti e a basso costo come gli Etf, ma invece preferisce rifilarti questa roba qui e, per giunta, neanche te la fa comprare sul mercato, dove la prendi a minor costo, ma in emissione, dove ti spela in commissioni: il tre per cento! E guarda che le polizze vita non sono meglio, anzi… fanno la stessa cosa facendoti pagare fior di quattrini per giacca, cravatta e sorrisi. Tu difenditi non acquistando nessuno di questi prodotti. E se proprio in questo periodo stai vendendo casa… ricordati che il mondo è pieno di riviste dove fare annunci gratuiti. Con un po’ di pazienza riuscirai a risparmiare un sacco di quattrini anche lì.

Vincenzo Somma

Direttore responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo