News

Veggenti? No grazie

12 giorni fa - lunedì 5 novembre 2018

Mi scrive Enrico e mi dice che se gli avessi detto dieci mesi fa di vendere le sue azioni si sarebbe evitato delle perdite. Ora, se già dieci mesi fa fossi stato sicuro della brutta piega che sta prendendo oggi il mondo, l’avrei certamente fatto. Purtroppo, a parte la Borsa turca, che è in sofferenza da tempo e non per la mancanza di virtù dei suoi titoli, bensì per la conseguenza di talune mosse politiche sulla valuta locale, il grosso dei problemi per i mercati è arrivato nelle ultime settimane. Nel dubbio io ti ho consigliato anche di difendere il tuo portafoglio con lo short; se non lo hai fatto registri ora delle perdite, ma attenzione: fa, purtroppo, anche parte del gioco azionario. Se non sopporti di perdere un 10% nel giro di 10 mesi, non dovresti neppure avere in mano le azioni. Semplicemente non fanno per te. Enrico non è stato, però, l’unico a scrivermi dopo il cambio di strategia di settimana scorsa. In Detto tra noi trovi una rassegna di domande e risposte. Tra le tante: vendo anche se sono in perdita? La risposta è sì; ovviamente capisco la resistenza psicologica a farlo, ma se la prospettiva è che il brutto mese di ottobre che si è appena concluso possa essere solo un aperitivo prima del banchetto che ci potrebbe venire servito, allora è meglio prendere comunque provvedimenti per tempo. I consigli dati fin qui erano sbagliati? Ecco, anche su questo vorrei essere chiaro: no. Se uno si va a vedere i conti di Intesa Sanpaolo e di Unicredit, per citare i due titoli più famosi che abbiamo consigliato, sono conti buoni. Queste banche hanno fatto pulizia, ora hanno prezzi di Borsa molto bassi rispetto a quello che varrebbero se venissero messe in liquidazione. Il cambio di prospettiva per cui sono passati a mantenere (e comunque entro un tetto massimo di azioni italiane che è più basso che in passato) è legato a cause esterne (il peggioramento del giudizio sul debito italiano). Nel dare consigli ci siamo attenuti a una metodologia precisa e consolidata. Ovviamente, però, qui nessuno fa il veggente e quindi possiamo solo essere aderenti alla realtà o a ciò che si presume che sarà. Detto questo, spero che tu ora metta in pratica i cambiamenti di portafoglio senza più indugiare. La scorsa settimana c’è stata un po’ di tregua, meglio approfittarne.

Vincenzo Somma

Direttore Responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo