News

La febbre

3 mesi fa - lunedì 28 gennaio 2019
La scorsa settimana sono tornato a Bruxelles. Per lavoro e per vedere che aria tirasse. L’aria era la stessa di Milano. Fredda. 
ingranaggi e pc

ingranaggi e pc

L’unica differenza è che a Bruxelles eran caduti tre centimetri di neve. Lì te ne accorgi non tanto dal bianco che – mica tanto - copre tutto, ma dagli spazzaneve. All’aeroporto già dalla mattina giravano in doppia colonna sulle piste. Esagerati? L’ho pensato anch’io e m’è venuto da ridere. Ho fatto male: meglio ridicoli che vivere nel caos creativo come facciamo noi. Comunque sia, per il freddo mi sono preso una bronchite. Olimpica. In più, a casa, prima di partire avevo spento i caloriferi. Non ti dico al rientro: mi ha accolto il gelo. Creativo, ma sempre gelo. Non ho potuto far altro che infilarmi sotto le coperte e sperare che arrivasse presto la primavera. La tv era accesa. Non capivo bene quello che passava sullo schermo, mi era pure venuta la febbre, ma lui l’ho riconosciuto. Ex primo ministro e salvatore della patria. Commentava le scelte dell’attuale governo. Lo faceva con signorilità oggi inusuale tra avversari politici. Ad un tratto l’ho sentito dire qualcosa come: “negli altri Paesi gli altri governi hanno risposto con una bella patrimoniale”. Di economia l’uomo ne capisce – te lo garantisco: è stato professore e poi rettore della mia università. Di agganci a Bruxelles ne ha. Se così dice, così sarà. Mi era passato il freddo e forse un po’ anche la febbre. Le clausole di salvaguardia (quelle che stanno scritte in piccolo nelle leggi di bilancio e dicono che se i conti non tornano saliranno le tasse) prevedono che già nel 2020 e poi ancora nel 2021 possano esserci decine di miliardi di buco da riempire. In poche parole, per il 2019 (forse) l’abbiamo sfangata, ma abbiamo grossi macigni che tra un anno ci potranno piovere in testa. E la soluzione? Una patrimoniale? Mi sei venuto in mente tu: che faccio per aiutarti? Devo saperne di più su di te. Pensaci bene e dimmi che cosa ti farebbe più male tra le seguenti opzioni. Un prelievo forzoso sul tuo conto corrente come nel 1992? Un aumento del bollo sul conto titoli? Un aumento delle tasse sulla seconda casa? L’introduzione delle tasse sulla prima casa? O un abbattimento delle franchigie sull’imposta di successione per metterci in linea con gli altri Paesi dove si spogliano anche i defunti? Fammi sapere come sei messo e cosa ne pensi. I suggerimenti sono benvenuti. Scrivimi a direttore@altroconsumo.it

Vincenzo Somma

Direttore Responsabile Altroconsumo Finanza

condividi questo articolo