Abbott

US0028241000
Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
59,52 USD 18/04/2018 22:02 New York
0,00 USD (0,00 %) Variazione dall'ultima chiusura
42,98 63,62  52 settimane min max
21,66 % Rendimento a 1 anno
1,90 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    Sorrisi a denti stretti: la settimana delle Borse 2 mesi fa - lunedì 29 gennaio 2018
    New York col suo +2,2% è stata una delle Borse migliori della settimana. Considerando il calo del dollaro nei confronti dell’euro (-1,5%), il risultato è meno scintillante. Le Borse dell’eurozona sono comunque andate peggio (invariate), Milano si è difesa: +0,5%. 
     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi
    Abbott: cambia il consiglio 3 mesi fa - lunedì 15 gennaio 2018
    Nel 2017 le azioni Abbott sono salite di circa il 50%, comportandosi molto meglio del resto della Borsa americana (salita di circa il 20%).
     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi
    Chi ben comincia... la settimana delle Borse 3 mesi fa - lunedì 15 gennaio 2018
    I primi giorni del 2018 sono stati positivi per le Borse. Questo buon momento ora affronta la prova dei conti trimestrali che piano piano le società cominciano a svelare.

    Variazioni settimanali su prezzi al 12/01/18 

    Una sola scivolata per Wall Street

    Come spesso accade, la Borsa di New York ha fatto un po’ da faro per tutte le altre. E se pensiamo che dall’inizio del 2018 fino al 12 gennaio incluso Wall Street ha chiuso una sola giornata in calo (+1,6% il bilancio complessivo della scorsa settimana; +4,2% dalla fine del 2017), capiamo il perché della buona intonazione che ha caratterizzato tutte le Borse in questo primo scampolo di anno. In particolare, sono stati i titoli del settore finanziario a trascinare al rialzo la Borsa Usa. Per esempio, le azioni BlackRock (555,53 Usd; Isin US09247X1019) hanno messo su, solo settimana scorsa, il 5,7% (+8,1% da fine 2017) dopo che il gruppo ha annunciato che in tutto il 2017 i suoi Etf (sono quelli targati Ishares) hanno raccolto capitali per una cifra mai vista prima. Il titolo viaggia sui massimi di sempre, ma resta correttamente valutato. Se hai le BlackRock, mantienile.

     

    Conti delle banche usa in contrazione, ma…

    Il settore finanziario e la Borsa Usa non sono stati per nulla scossi dai primi conti, in forte calo, annunciati da un colosso come Jp Morgan (titolo +4% alla fine della scorsa settimana) – utili in discesa di quasi il 40% rispetto allo stesso periodo di un anno prima. È previsto che altre banche facciano annunci simili. Perché la cosa non spaventa? Perché le perdite sono legate a movimenti contabili dovuti all’abbassamento delle tasse voluto da Trump. Devi sapere, infatti, che non sempre le aziende pagano le tasse su quello che effettivamente hanno incassato nel corso dell’anno. A volte accade che paghino prima più tasse di quelle dovute: nella legge fiscale americana questo dà origine a un “bonus” che viene messo a bilancio come se fosse un bene aziendale. Si può usare, infatti, negli anni seguenti per ridurre il carico fiscale. Ora, con le tasse che da quest’anno scendono, questo bene vale molto di meno – le aziende hanno già pagato tasse più alte – e quindi le società sono obbligate a svalutarlo. Tutto questo è un fenomeno non ricorrente che sarà compensato dalle minori tasse di cui le aziende cominceranno a godere già da quest’anno. Siccome i mercati guardano più al futuro che al passato, le svalutazioni che stanno pesando sui conti del 2017 non generano alcun elemento di preoccupazione.

    Nota stonata è stata Intel (43,24 Usd; Isin US4581401001) che ha perso in Borsa il 6,4% da fine 2017. Alcuni suoi microchip presentano livelli di sicurezza bassi (rendono semplice il furto di password e dati sensibili). La società ha detto che per risolvere il problema basta un aggiornamento di sistema, ma pare che quest’ultimo rallenti un po’ i pc. In ogni caso il timore che questo caso comprometta le prospettive di Intel ci sembra esagerato: il titolo è conveniente. Acquista.  


    Prezzo del greggio sui 70 dollari al barile

    Il fenomeno delle svalutazioni non riguarda solo le banche, ma sarà comune a tante società Usa o estere che operano negli Usa. Per esempio, un colosso petrolifero come BP (534,8 pence; Isin GB0007980591) ha già annunciato che i conti del quarto trimestre 2017 saranno gravati da svalutazioni per 1,5 miliardi di dollari circa. Il mercato, però, ha di fatto snobbato la notizia, tanto che il titolo nel corso del 2018 è salito in Borsa del 2,3% (+1% circa nel corso della settimana scorsa). I mercati hanno più badato alla corsa del prezzo del greggio: quello di qualità brent ha ormai sfiorato i 70 dollari al barile, facendo registrare un rialzo del 2,5% da fine 2017. Tra i titoli del settore, meglio ancora di BP, ha fatto Chevron (133,6 Usd; Isin US1667641005), salita del 4,5% nella scorsa settimana e del 6,7% da fine 2017. Il titolo si è ormai riportato sui massimi di luglio 2014, quando il prezzo del greggio viaggiava oltre i 100 dollari al barile, ma secondo noi resta una delle migliori scelte nel settore. Acquista Chevron, mantieni BP. Il rialzo del greggio fa bene soprattutto alle società che forniscono servizi all’industria petrolifera come Saipem (4,054 euro), salita dal 6,5% in Borsa dalla fine del 2017. Mantieni.

     

    Volano le banche italiane

    Piazza Affari è andata benissimo in questo avvio di 2018 – dalla chiusura del 2 gennaio a quella del 12 gennaio ha registrato tutte singole sedute in rialzo. Il bilancio dell’ultima settimana è di +2,9% (+7,2% da fine 2017). E anche a Milano la spinta è arrivata dai titoli bancari. In particolare, bene Intesa Sanpaolo (3,026 euro): tra le voci di una possibile fusione con una banca europea – si parla del Crédit Agricole, ma siamo proprio nell’ambito delle indiscrezioni – e di un’importante cessione di crediti “marci”, le azioni sono salite del 7,5% nella sola settimana scorsa e del 9,2% dalla fine del 2017. Secondo noi sono comunque ancora convenienti. Acquista. Molto bene anche le Unicredit (17,47 euro), salite del 7,5% settimana scorsa e del 12,1% dalla fine del 2017. Il successo riscontrato dalla banca nel lancio di una nuova forma di obbligazione, chiamata lower tier senior, ha fatto piacere al mercato. Questi bond, in termini di rischiosità, si pongono tra le obbligazioni subordinate (più rischiose) e quelle ordinarie (meno rischi in caso di bail-in), ma alla stregua delle prime sono considerate “quasi capitale”: insomma, più le banche riescono a emetterne, meno avranno bisogno di aumenti di capitale. Tu comprati le azioni Unicredit. Lascia stare questi bond lower tier senior, anche perché hanno un taglio minimo da 250.000 euro e sono destinati esclusivamente a investitori istituzionali. 

     

    Solo discreto l’avvio d’anno per Londra: +0,7% nell’ultima settimana, +1,2% da fine 2017. La Borsa della vicina Svizzera non ha brillato: -0,1% nell’ultima settimana, +1,8% da fine 2017. Ha pesato un po’ l’andamento delle Roche (245,80 Usd; Isin CH0012032048) calate del 2,5% nell’ultima settimana (-0,3% da fine 2017). Il via libera da parte delle autorità sanitarie europee a un trattamento contro la sclerosi a placche non ha scaldato più di tanto il mercato. E, in effetti, le prospettive del gruppo non cambiano: confermiamo stime e consiglio. Mantieni. 

     

    Risposte per te

    @Adriano Sia Axa, sia Ahold Delhaize, sia BMW staccano i dividendi solo una volta l’anno. Per questo, da luglio, non hai ricevuto nulla: i dividendi a valere sul 2017 saranno pagati nella primavera di quest’anno.

    @Franco I titoli esteri azionari quotati alla Borsa di Milano subiscono comunque la doppia tassazione sui dividendi (Paese estero e, sul restante, fisco italiano). Sulle plusvalenze (guadagni di prezzo) paghi solo il fisco italiano.

    @Giancarlo Le azioni Encana (13,98 Usd; Isin CA2925051047) sono risalite grazie al rialzo del greggio. Il gruppo dovrebbe essere tornato in utile alla fine del 2017 ma il titolo è solo correttamente valutato. Al più mantieni le azioni.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Wall Street sale, Milano scende: la settimana delle Borse 6 mesi fa - lunedì 23 ottobre 2017
    Altro passo avanti per New York che porta a sei il numero dei bilanci settimanali consecutivi chiusi in attivo. Bene anche Tokio, che ha fatto +1,4%. Piatte, in media, le Borse dell’eurozona, con Piazza Affari (-0,3%) tra le peggiori.

    Variazioni settimanali su prezzi al 20/10/17

    New York chiude la settimana a +0,9%

    La stagione dei conti trimestrali societari negli Usa sta procedendo tra alti e bassi, sia per quanto riguarda il settore finanziario, sia per quanto riguarda quello tecnologico – sono i due settori principali della Borsa a stelle e strisce. Per questo, pur chiudendo la settimana in attivo e su nuovi massimi storici, la Borsa Usa non ha archiviato chissà quali rialzi. Più che dai conti societari i motivi di ottimismo sono arrivati dalla politica. Da un lato, infatti, il Senato americano ha approvato il bilancio proposto dall’amministrazione Trump, fatto che rende più semplice l’approvazione della tanto attesa riforma fiscale. Dall’altro, si sono intensificate le indiscrezioni su chi sarà il nuovo governatore della Banca centrale Usa: sulla carta si tratta di una persona che non dovrebbe portare stravolgimenti all’annunciata politica sui tassi d’interesse. Per ora, dunque, un sospiro di sollievo, ma la strada, soprattutto per la riforma fiscale, è ancora lunga. Il settore farmaceutico è il terzo “pilastro” della Borsa di New York. Nel settore ti segnaliamo il +3,1% di Abbott (56,32 Usd; Isin US0028241000) dopo la presentazione di conti trimestrali che si sono attestati nella parte alta della “forchetta” dei risultati attesi dal mercato. Il gruppo ha anche perfezionato l’acquisto di Alere (diagnostici) e il titolo resta correttamente valutato. Mantieni.

     

    Settore tecnologico: +0,4%

    Si diceva dei conti trimestrali e tra quelli che più sono piaciuti al mercato ci sono senza dubbio quelli di IBM (162,07 Usd; Isin US4592001014): i vertici del colosso della tecnologia dopo ben 22 trimestri di risultati in calo hanno annunciato per il 3° trimestre ricavi stabili e utili in leggera crescita. Le prospettive per la fine dell’anno sembrano essere ancora migliori: che sia arrivato il momento della svolta? Il mercato ci crede – il titolo ha chiuso la settimana a +10,2% – e anche noi siamo ottimisti. Nonostante il balzo in Borsa, il titolo resta conveniente. Acquista. Debole, invece, Apple (156,25 Usd; Isin US0378331005) che ha chiuso la settimana con un calo dello 0,5%. I risultati trimestrali ancora non sono stati annunciati, ma le indiscrezioni che stanno trapelando non sono rassicuranti: gli ordini del nuovo telefonino iPhone 8 starebbero andando peggio delle previsioni mentre in Cina il nuovo Apple Watch sembra non funzionare bene come dovrebbe, generando delusione tra i consumatori. Vedremo se questi timori saranno confermati: i conti sono attesi per il 2 novembre (da noi sarà tarda serata). Tu, nel frattempo, al più limitati a mantenere le azioni Apple che hai già in mano. Ricorda che se ti riconosci nel profilo di “investitore difensivo” non devi avere in mano azioni americane. Devi, quindi, venderle tutte, comprese quelle che hanno come consiglio “acquista” o “mantieni”, come Apple. Vedi qui sul sito alla sezione portafogli tutti i dettagli.

     

    Risultati contrastanti anche in Europa

    Piano piano anche in Europa la stagione dei conti trimestrali sta entrando nel vivo. E anche qui da noi non mancano le indicazioni contrastanti. Da un lato, per esempio, il mercato è stato rassicurato da Danone (70,29 euro; Isin FR0000120644): i conti del terzo trimestre hanno mostrato ricavi in crescita sopra le attese grazie all’aumento dei prezzi di vendita e al miglioramento delle vendite in Cina. Il titolo è salito del 2%, ma secondo noi i problemi del gruppo sono tutto fuorché superati. Il titolo è caro. Vendi. Dall’altro, però, il mercato è stato innervosito dai risultati di un altro gigante dei prodotti alimentari e per la cura della persona, Unilever (47,79 euro; Isin NL0000009355). Il titolo ha perso in settimana il 7,7% dopo aver mostrato nel corso del 3° trimetre un rallentamento della crescita delle vendite per effetto di condizioni di mercato difficili, soprattutto in Nord America. A questo punto il gruppo ha due scelte: o rinuncia all’obiettivo di redditività prefissato per il 2020 o perde altre quote di mercato. In entrambi casi la prospettiva non è delle migliori: se le hai in mano, vendi queste azioni care. Mercato del Nord America difficile anche per un altro colosso degli alimentari come Nestlé (83,45 franchi; Isin CH0038863350): la crescita dei ricavi nei primi nove mesi dell’anno è ai minimi dal 1999. Anche i prossimi mesi resteranno difficili, nonostante la ristrutturazione. Abbassiamo le stime sull’utile per azione del 2017 da 3 a2,85 franchi, ma il titolo resta correttamente valutato. Mantieni.

     

    Incroci pericolosi tra Milano e Madrid

    A pesare sulle Borse europee c’è stata anche la tensione politica in Spagna, con la minaccia di una dichiarazione unilaterale d’indipendenza da parte della Catalogna. Stiamo parlando di scenari da fantapolitica, ma tanto è bastato a far perdere ulteriore terreno alla Borsa di Madrid (-0,3% in settimana). Tra le azioni iberiche, però, si è distinta Abertis (19,06 euro; Isin ES0111845014), salita in settimana del 9,1%. Il rialzo è legato all’arrivo di un’offerta d’acquisto (OPA), rivale di quella lanciata da Atlantia (27,29 euro). L’ha lanciata una società tedesca, Hochtief (150,15 euro; Isin DE0006070006) – dietro, però ci sono gli spagnoli – offrendo 18,76 euro in contanti per ogni azione Atlantia (oppure 0,1281 azioni Hochtief per ogni azione Abertis). Il prezzo offerto da Hochtief è del 13,6% superiore ai 16,5 euro offerti da Atlantia. Che fare con le Abertis? Mantienile. Primo: l’offerta di Hochtief deve essere ancora approvata dalla Consob spagnola e ci potrebbero volere anche tre mesi, quindi non rischi di vedere sparire le azioni da un giorno all’altro. Secondo: l’offerta di Atlantia per ora è sospesa, ma il gruppo italiano potrebbe rilanciare. In ogni caso non ci aspettiamo che Atlantia possa arrivare oltre i 20 euro per azione: non vale la pena comprare ora speculativamente le Abertis. Mantieni anche le Atlantia: l’incertezza di una guerra con gli spagnoli per il controllo di Abertis c’è, ma la società ha le spalle grosse per reggerla. Non per nulla le azioni in settimana hanno comunque retto, chiudendo a -0,6% a fronte di un -0,3% per Milano (continuano le tensioni sui titoli bancari in vista delle nuove regole europee sui crediti “marci”). Se hai le Hochtief, vendile: il gruppo rischia di indebitarsi parecchio e di dover fare un consistente aumento di capitale. Milano è stata condizionata anche dalla frenata di Fca (14,23 euro; -5,4%): starebbe per tagliare la produzione di Alfa Romeo e Maserati per i limiti alle importazioni fissati dalla Cina. Inoltre, si teme che i conti del terzo trimestre non siano granché. Se investi per il lungo periodo e sei un buon padre di famiglia vendi le FCA. Mantienile solo se le hai comprate sulla base della speculazione data su Altroconsumo Finanza n° 1233. 

     

    Risposte per te

    @Graziano Anche se sull’Eurotlx o su Borsa italiana costa meno come commissioni bancarie, consigliamo di comprare le Engie (14,32 euro; Isin FR0010208488) a Parigi per evitare problemi in caso di operazioni sul capitale.

    @Marco Su tutti gli acquisti di azioni inglesi devi pagare una tassa alla Regina. Si chiama “stamp duty” ed è pari allo 0,5% dell’importo investito. Si applica solo al momento dell’acquisto, non a quello della vendita.

    @Vincenzo La class action su Teva è per chi ha comprato azioni dal 15 novembre 2016 perché quella è la data di pubblicazione dei primi conti trimestrali che avrebbero “nascosto” informazioni al mercato. La causa è ancora tutta da definire.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Vincitori e vinti: la settimana delle Borse 6 mesi fa - lunedì 2 ottobre 2017
    Bilancio dell’ultima settimana di settembre: New York +0,7%, Borse eurozona, in media, +1,5%. Il referendum catalano non sembra spaventare più di tanto i listini.

    Variazioni settimanali su prezzi al 29/09/17

     

    Wall Street tra Trump e Yellen

    Due gli eventi che hanno caratterizzato l’andamento della Borsa americana. Primo: la tanto attesa riforma fiscale di Trump sembra prendere forma. Il mercato ha gradito, anche se per ora, considerati i fallimenti sulla riforma sanitaria, preferisce non lasciarsi andare in facili entusiasmi. Secondo: le nuove dichiarazioni da parte della Banca centrale americana hanno rafforzato la sensazione che il prossimo rialzo dei tassi d’interesse possa arrivare a dicembre. Questo ha fatto bene ai titoli bancari Usa (+1,8%). New York ha chiuso il terzo trimestre dell’anno con un progresso del 4%. Dall’inizio dell’anno il rialzo è del 12,5%.

     

    La spinta del petrolio

    Altra spinta, e non solo per la Borsa a stelle e strisce, è arrivata dai titoli del settore petrolifero, saliti, in media, dello 0,8%. Complice il rischio di uno stop alle esportazioni di greggio dal Kurdistan, il prezzo dell’oro nero ha fatto un altro balzo dell’1,3%. In particolare, si è distinta Exxon Mobil (81,98 Usd; Isin US30231G1022), salita in settimana del 2,6%. Il titolo ha ormai recuperato del tutto i pesanti cali registrati in agosto, ma resta comunque eccessivamente penalizzato: acquista per il lungo periodo. Gli altri titoli petroliferi che consigliamo sono Chevron (117,5 Usd; Isin US1667641005) e Repsol (15,59 euro; Isin ES0173516115).

     

    Tecnologia al palo

    Settimana di alti e bassi per il settore tecnologico (+0,2%). Vista la volontà dei principali Paesi europei di andare avanti con lo studio della web tax (in pratica, fare in modo che i colossi del settore paghino tutte le tasse che ora riescono a “svicolare”), alcuni giganti di internet, come Facebook (+0,2%; 170,87 Usd, Isin US30303M1027), sono rimasti al palo. Non che il rischio di una web tax sia concreto – se mai passerà, ci vorrà del tempo perché venga applicata – ma comunque le azioni Facebook sono a nostro parere care. Vendi. Inoltre, tutto il settore della tecnologia non è oggi a buon mercato in Borsa – le società che fanno microchip, per esempio, hanno messo su il 13% nel solo terzo trimestre e il 29% da inizio anno. Ti sconsigliamo di comprare fondi e Etf che puntano in generale sul settore tecnologico. Piuttosto, punta su alcuni singoli titoli che abbiamo scelto per te. Tra questi c’è Intel (38,08 Usd; Isin US4581401001) che in una settimana non brillante per il settore ha messo su il 2,4% dopo che si sono diffuse indiscrezioni sul fatto che Tesla (341,10 Usd, Isin US88160R1014; vendi) abbia intenzione di scegliere i microchip di Intel per i “pannelli di controllo” all’interno delle sue auto. Secondo noi le azioni Intel sono convenientiApple (154,12 Usd; Isin US0378331005) si è salvata (+1,5%) nonostante le indiscrezioni sul fatto che le vendite dell’iPhone8 siano le più basse dal 2013. Anche gli ordini dell’iPhone X potrebbero non essere alti come previsto. Al più, mantieni le azioni Apple.

     

    Una luce nel buio

    Settimana negativa per i titoli farmaceutici, scesi, in media, dello 0,4%. Si è distinta, però, Abbott (53,36 euro; Isin US0028241000), salita dell’1,6% dopo la notizia che il suo prodotto FreeStyle Libre – permette ai pazienti con il diabete di restare sotto controllo senza doversi pungere –potrà essere a breve venduto anche negli Usa. Anche se ai massimi degli ultimi 5 anni, il titolo resta, secondo noi, correttamente valutato. Mantieni. Sanofi (84,01 euro; Isin FR0000120578) potrà vendere un suo farmaco importante anche in Europa. Mantieni.

     

    Tutte le strade portano a parigi

    A dare pepe alle azioni europee sono state diverse operazioni di fusione e acquisizione. Una delle più rilevanti riguarda la fusione tra le attività ferroviarie di Siemens (tedesca) e Alstom (francese). Non sono titoli che seguiamo, ma l’operazione riguarda da vicino anche un titolo della nostra selezione: Bouygues (40,15 euro; Isin FR0000120503). Questa società, qualche anno fa, aveva comprato circa il 30% di Alstom – era stata attirata dalle buone prospettive delle attività nucleari di quest’ultima. È da tempo, però, che le prospettive del nucleare si sono offuscate e che Bouygues tenta di vendere la fetta di Alstom che ha in mano: la mega-fusione nelle ferrovie potrebbe riaprire la partita e permettere a Bouygues di vendere a buon prezzo. Le azioni Bouygues in settimana sono andate bene, guadagnando il 2,8%, ma, a nostro parere, non è ancora il momento di venderle. Mantieni. Parigi è stata protagonista di un’altra importante operazione, che ci riguarda più da vicino: è finalmente stato trovato l’accordo tra la nostra Fincantieri e Stx – operano in ambito navale. Anche in questo caso l’operazione coinvolge un titolo che noi seguiamo: Leonardo (15,85 euro), la ex-Finmeccanica. Le azioni Leonardo sono salite del 3,3%: l’accordo allontana, infatti, il rischio di una perdita potenziale di commesse dal settore militare navale. Il titolo è correttamente valutato. Mantieni. Il 4 ottobre Pirelli riprende le contrattazioni a Piazza Affari. Il prezzo di collocamento è stato fissato verso il minimo inizialmente previsto: 6,5 euro.

     

    Asse tra svizzera e stati Uniti

    Un’altra operazione “straordinaria” – così vengono chiamate in finanza le cessioni di attività o le acquisizioni di aziende– si è svolta sull’asse Svizzera – Stati Uniti. General Electric (24,18 Usd; Isin US3696041033) ha venduto la divisione soluzioni industriali alla svizzera ABB a un prezzo che ci sembra soddisfacente per un’attività così poco redditizia. Il mercato, però, non ha premiato più di tanto questa operazione, tanto che il titolo General Electric ha chiuso la settimana in calo del 2,8%. L’attesa è per soluzioni ancora più drastiche di questa: vedremo se il nuovo management, che dovrebbe delineare la strategia del gruppo tra qualche settimana, deluderà queste attese o no. Intanto limitati a mantenere le General Electric. Parlando di Svizzera, Nestlé (81,1 franchi; Isin CH0038863350) ha smentito le voci di una vendita del suo pacchetto di azioni L’Oréal (179,9 euro; Isin FR0000120321). Mantieni Nestlé, vendi L’Oréal.

     

    Risposte per te

    @Alessandro Per ora, nel corso del 2017, Oriflame ha staccato due volte il dividendo: 0,75 euro lordi per azione a metà maggio e poi 0,25 euro lordi per azione a metà agosto.

    @Angelo Non importa che il tuo Etf sia azionario o meno. Le sue plusvalenze non saranno mai compensabili con minusvalenze pregresse, siano esse ottenute su azioni o su altri Etf.

    @Fabrizio Un prezzo di Rio Tinto pari a 3.473 pence equivale a un prezzo di 34,73 sterline. Se il cambio è di 1,1341 euro per ogni sterlina, allora il prezzo di Rio Tinto è di 39,387 euro.

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 63,62 USD
Minimo degli ultimi 12 mesi 42,98 USD
ISIN US0028241000
Borsa New York
Beta 0,64
Volatilità 18,89 %
Numero di azioni 1.740.600.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 104,09 USD
Settore Salute e farmacia
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 337.049 USD
Punteggio corporate governance 6

Indici chiave per azione (USD)

2018 (e) 2017 2016 2015
Dividendo 1,13 1,08 1,05 0,98
Utile corrente 1,25 0,27 0,95 2,18
Utile netto 1,25 0,27 0,95 2,96
Cash Flow corrente 2,85 2,00 1,86 3,16
Cash Flow netto 2,85 2,00 1,86 3,94
EBIT 2,10 0,99 2,16 2,66
EBITDA 3,70 2,73 3,07 3,64
Patrimonio netto 17,85 17,72 13,94 14,40
Patrimonio netto tangibile 4,05 3,94 8,73 7,86

Rendimento in euro

Abbott Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 1,01 % -4,32 % -4,23 %
Rendimento ultimi 6 mesi 4,38 % -2,48 % 0,67 %
Rendimento ultimo anno 21,66 % 0,05 % -0,47 %
Rendimento ultimi 5 anni 13,57 % 6,06 % 13,00 %

Indici finanziari della società

2017 2016 2015 2014
Pay out 408,18 % 110,50 % 32,62 % 59,68 %
Current ratio 2,26 4,02 1,54 1,45
ROE 1,54 % 6,82 % 15,36 % 16,27 %
ROE netto 1,54 % 6,82 % 20,85 % 10,61 %
Margine lordo 54,96 % 56,73 % 57,89 % 58,71 %
Margine netto 1,74 % 6,71 % 21,68 % 10,23 %
EBIT margin 6,30 % 15,27 % 19,50 % 13,90 %
EBITDA margin 17,33 % 21,76 % 26,71 % 20,84 %
Tax rate 78,62 % 2,03 % 11,54 % 24,45 %
Gearing 58,89 9,21 13,47 15,39
Patrimonio netto / totale attivo 40,78 % 39,34 % 51,70 % 52,43 %

Dati di Borsa per azione

2018 (e) 2017
Rendimento da dividendo 1,90 % 1,81 %
Prezzo/utile corrente 47,62 217,15
Prezzo/cash flow corrente 20,88 29,77
Prezzo/patrimonio netto 3,33 3,36
Prezzo/patrimonio netto tangibile 14,70 15,09
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 6,04 % -

(e) : stima

×
Partecipa al sondaggio:
abbott
Raccomanderesti l'utilizzo di questa pagina alla tua famiglia e ai tuoi amici? Puoi indicare un giudizio compreso tra 1 (assolutamente no) e 10 (assolutamente sì) *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Lasciaci un commento (opzionale)
Invia