Analisi
AT&T 19 anni fa - martedì 3 febbraio 1998

AT&T

AT&T (62,63 dollari) è il gigante americano delle telecomunicazioni. Nonostante un 4° trimestre migliore del previsto, per tutto il '97 il suo utile per azione è sceso del 20% (rispetto al '96) a causa soprattutto dei pesanti investimenti per i nuovi progetti di sviluppo. Il gruppo, che continua a ristrutturarsi per svilupparsi nella sua attività di base – le telecomunicazioni – ha appena annunciato l'acquisizione di Teleport, operatore specializzato nelle chiamate locali per imprese. Ma la liberalizzazione del settore mette sotto pressione AT&T: negli USA la sua quota di mercato nelle chiamate a lunga distanza è scesa dal 62% al 50% negli ultimi cinque anni, senza che in cambio il gruppo si sia affermato nelle chiamate locali. All'estero, invece, al gruppo manca un partner importante per poter soddisfare le esigenze delle multinazionali.

L'azione è correttamente valutata, ma la strategia del gruppo manca ancora di chiarezza. Non acquistare.

Chi le ha, le venda.

 

AT&T

Ultimamente l'azione (in dollari) è salita molto, ma le prospettive di AT&T sono incerte. Non acquistare.

 

 

condividi questo articolo