Analisi
La sorte di Sirti 19 anni fa - martedì 3 marzo 1998

LA SORTE DI SIRTI

Nel 284 consigliavate di incassare il dividendo Sirti e di mantenere le azioni. Al momento però non ho ricevuto una lira e le azioni stanno lentamente, ma inesorabilmente, perdendo di valore. Cosa mi consigliate di fare?

 

I problemini di Sirti

Come già pubblicato nel numero 284, Pirelli aveva annunciato l'intenzione di acquisire Sirti, società la cui attività consiste nell'installazione e manutenzione di cavi per telecomunicazioni. Di seguito però è accaduto l'imponderabile: Telecom Italia ha deciso di ridurre l'installazione di cavi in fibre ottiche (particolari cavi utilizzati per le telecomunicazioni) in Italia, attività per la quale era direttamente coinvolta per l'appunto la Sirti. A queste cattive notizie Sirti ha cominciato a perdere terreno in Borsa, visto che il contratto stipulato con la Telecom ha un peso non indifferente nell'attività della società di impiantistica.
Si era inoltre stabilito che agli azionisti Sirti, prima che avesse luogo l'acquisizione, sarebbe stato offerto un dividendo straordinario pari a 3.200 lire lorde per azione. Al momento però tutto è bloccato e non abbiamo ancora elementi utili per prevedere se tale dividendo sarà corrisposto o meno.
Pirelli, inoltre, sta valutando se sia ancora il caso di acquisire Sirti e il prezzo da offrire, di certo più basso di quanto non avesse pensato in un primo momento.
Se il prezzo sarà ancora congruo Telecom Italia, che controlla Sirti, potrebbe accettare l'offerta, il prezzo di Borsa si riprenderà e quindi anche gli azionisti Sirti, come lei, ne beneficeranno. Se invece il prezzo che Pirelli offrirà non sarà ritenuto congruo è verosimile che Telecom offra ad altri il pacchetto di controllo di Sirti. In questo caso il titolo Sirti potrebbe prima risentirne per poi tornare a salire sull'onda dell'affluire delle notizie sulla sua cessione.
Noi restiamo fiduciosi: mantenga ancora le sue azioni.

condividi questo articolo