Analisi
Pirelli 19 anni fa - martedì 31 marzo 1998

PIRELLI

Ottima annata, il '97, per Pirelli SpA (ord. 6.390 lire; rnc 5.060 lire): gli utili sono cresciuti di circa il 20%, percentuale superiore alle attese. Il gruppo ha potuto contare su un rialzo della redditività tanto per il settore cavi (52% delle vendite) quanto per i pneumatici (48%), ma anche su un calo degli interessi pagati sui debiti. La società ha annunciato una semplificazione della struttura del gruppo. Ciò non dovrebbe avere un reale impatto sulle attività del gruppo, che ha confermato la propria intenzione di acquistare Sirti (installazione e manutenzione di reti di telecomunicazioni). Nel settore cavi, Pirelli intende continuare a sviluppare la produzione di fibre ottiche e nuovi prodotti fotonici (laser...). Lo sviluppo delle attività in questo settore permetterà a Pirelli di stipulare nuovi contratti, soprattutto nei mercati in forte crescita come quello del trasferimento dati (Internet, videoconferenze...). Nel settore dei pneumatici, Pirelli, piuttosto che incrementare i volumi di vendita, rafforza la sua posizione nella produzione di pneumatici per vetture d'alta gamma (n° 1 in Europa) e sui pneumatici di scorta. La società intende altresì controllare i costi producendo di più in quelle regioni che hanno minori costi di produzione.
I risultati migliori delle attese hanno dato un'ulteriore spinta al titolo che era già salito al seguito della Borsa e sulle voci di una possibile OPA (Offerta Pubblica d'Acquisto) ostile contro Pirelli. Il prezzo è corretto. Acquistate per il lungo termine tanto l'ordinaria che la risparmio.

 

PIRELLI

Malgrado il consistente rialzo registrato nelle ultime settimane, vi consigliamo di acquistare ancora.

 

 

condividi questo articolo