Analisi
Montedison 19 anni fa - martedì 7 aprile 1998

MONTEDISON

Montedison (2.700 ord.; 2.000 rnc) è a capo di diverse società industriali (Eridania-Béghin-Say, Edison, Antibioticos, Ausimont, Tecnimont...). Per il '97 ha comunicato risultati brillanti, in linea con le nostre previsioni. La cessione della Montell, società in comune con la Shell nel settore delle plastiche, ha permesso a Montedison di realizzare un guadagno straordinario (non ripetibile in futuro) di circa 1.000 miliardi di lire e di ridurre i debiti a poco più di 3.000 miliardi rispetto agli 8.300 dell'anno precedente. Senza tenere conto di questi guadagni straordinari, l'utile per azione è cresciuto di quasi il 30% e crescerà ulteriormente nel '98 per arrivare a 140 lire per azione (+50%), grazie soprattutto alla riduzione degli oneri finanziari (interessi pagati sui debiti). Il dividendo sarà di 40 lire per le azioni ordinarie e 60 per le risparmio.
La strategia della società è di crescere ulteriormente nel settore energia (attraverso Edison), in fase di graduale liberalizzazione in Italia, e nel settore agro-industriale (Eridania-Béghin-Say) puntando su Europa dell'Est, Asia... L'abbondante liquidità di cui dispone le permetterà di finanziare gli investimenti senza problemi.

Il titolo, agli attuali prezzi, è correttamente valutato e tiene conto delle prospettive di crescita degli utili della società. Potete ancora mantenere sia l'ordinaria sia la risparmio non convertibile

 

MONTEDISON

Le attese di buoni risultati '97 hanno fatto crescere sia le azioni ordinarie (in grassetto) sia le rnc. Mantenere.

 

condividi questo articolo