Analisi
Banca Fideuram 19 anni fa - martedì 12 maggio 1998

BANCA FIDEURAM 

Banca Fideuram (11.215 lire) è la caposettore per i servizi finanziari e assicurativi alle famiglie del gruppo IMI (75% del capitale). Quest'ultimo si fonderà presto con il San Paolo di Torino. Nel piano di integrazione dei due gruppi, è previsto che la rete di 2.800 promotori finanziari di Banca Fideuram sia rafforzata dagli oltre mille promotori di San Paolo Invest. I fondi comuni dei due gruppi dovrebbero invece rimanere separati, perché indirizzati a diversi tipi di clientela. In particolare, Banca Fideuram continuerà a puntare sui fondi lussemburghesi Fonditalia e Interfund (destinato a investitori facoltosi). A questi si aggiungono le gestioni patrimoniali, supportate da servizi di consulenza informatizzati, le polizze vita e, nei prossimi mesi, i fondi pensione. In tal modo, Banca Fideuram beneficerà delle ottime prospettive del risparmio gestito in Italia, che dovrebbe crescere del 122% da qui al 2003. Inoltre, entrando a far parte del maggior gruppo bancario italiano, svilupperà i propri servizi anche all'estero, in particolare in Lussemburgo.
Le prospettive a lungo termine di Banca Fideuram sono ottime, ma la mancata integrazione con Sanpaolo Fondi potrebbe ancora pesare sul titolo, che è caro. Mantenere, ma non acquistare.

 

condividi questo articolo