Analisi
BES aumenta il capitale 19 anni fa - martedì 19 maggio 1998

MAGNETI MARELLI

Nel numero 295 vi avevamo consigliato di aderire all'aumento di capitale Magneti Marelli tutt'ora in corso. Fatelo al più presto poiché il 25 maggio, nel caso in cui non le abbiate comunicato nulla prima, la vostra banca venderà i relativi diritti d'opzione.
Chi ha intenzione di venderli comunque, tenendo conto del valore attuale dei diritti riceverà:
– chi possiede azioni ordinarie circa 3.440.000 lire, al netto delle commissioni;
– chi possiede azioni di risparmio circa 5.100.000 lire, sempre nette di commissioni.

 

BES AUMENTA IL CAPITALE

Il Banco Espirito Santo (BES – 8.800 scudi circa, 84.500 lire), una tra le più importanti banche portoghesi le cui azioni sono quotate alla Borsa di Lisbona, aumenterà il proprio capitale a partire dal 25 maggio. L'aumento è "composito": c'è infatti una parte gratuita e una a pagamento.
• Gli azionisti BES riceveranno un'azione gratuita ogni cinque possedute (aumento gratuito) e ciò avverrà automaticamente senza che si debba comunicare nulla alla propria banca. Chi non possiede un multiplo esatto di 5 azioni, supponiamo ne possegga 14, può vendere i quattro diritti "in più" (5+5+4). Faccia però attenzione alle commissioni bancarie, con tale operazione rischia di sborsare più quattrini di quelli che incassa. Chi si trova in una simile situazione chieda alla propria banca quali spese gli verrebbero applicate. Se queste superano il ricavato, le dica di lasciar scadere i diritti.
• Ogni otto azioni si ha inoltre diritto ad acquistarne un'altra, pagandola 4.500 scudi, circa 43.200 lire (aumento a pagamento). Il nostro consiglio è di aderire all'aumento a pagamento. Il periodo di sottoscrizione va dal 25 maggio al 7 giugno, ma voi prendete la decisione se aderire o meno il prima possibile e comunicatela alla vostra banca – basta andare alo sportello e dire: "Voglio aderire all'aumento di capitale del BES". Chi decidesse di non aderire venda i propri diritti (sempre tramite la banca) al più presto e in ogni caso non oltre il 7 giugno. Il prezzo stimato di ciascun diritto è di circa 290 scudi (2.800 lire). Anche in questo caso si informi in anticipo su quanto potrebbe costargli l'operazione di vendita. Quasi sempre le banche applicano una commissione fissa che potrebbe rendere antieconomico vendere piccoli importi. In casi come questo, dite alla banca di lasciar scadere i vostri diritti.

condividi questo articolo