Analisi
Credit 20 anni fa - venerdì 29 maggio 1998

CREDIT

Il Credit (9.930 lire) si fonderà nei prossimi mesi con Unicredito, dando vita al 2° gruppo bancario italiano, con quasi 2.700 sportelli che manterranno le insegne di Credito Italiano, Cariverona, Banca CRT, Rolo Banca... Il piano di integrazione di UniCredit prevede una crescita dei ricavi di 630 miliardi in tre anni, grazie a una distribuzione più capillare di alcuni prodotti, soprattutto nel risparmio gestito. In questo promettente settore, il gruppo sarà n° 2 in Italia, con 4 società di fondi comuni (15% del mercato) e altrettante di bancassicurazione (vendita di polizze agli sportelli, in collaborazione con Generali e RAS). La riorganizzazione di tutte queste controllate, l'unificazione dell'attività di analisi finanziaria per la gestione del risparmio, la messa in comune dei sistemi informatici... consentiranno al gruppo di ridurre i costi di 690 miliardi. Di conseguenza i suoi utili dovrebbero crescere di circa il 25% all'anno fino al 2001.
La fusione del Credit con Unicredito è molto promettente. Ma il prezzo dell'azione, che è caro, ne tiene già ampiamente conto. Mantenere, ma non acquistare.

CREDIT

Buone prospettive per l'unione fra Credit e Unicredito. Ma il titolo ne tiene già conto. Mantenere

condividi questo articolo