Analisi
Edison 19 anni fa - venerdì 29 maggio 1998

EDISON

Edison (16.550 lire), che fa capo al gruppo Montedison, è il più importante produttore privato di energia elettrica e di gas in Italia.
La società intende rafforzarsi nel campo dell'energia sfruttando la liberalizzazione che dovrebbe partire nel '99, con la caduta del monopolio pubblico nella vendita di energia elettrica e nell'importazione di gas dall'estero. In quest'ottica Edison ha acquistato le attività in Italia della francese Elf – che comprendendo pozzi petroliferi e gas metano fanno salire al 9% la quota di produzione di Edison in Italia – e il 34% della rete di metanodotti SGM. Con questa acquisizione Edison potrà portare al 71% la sua partecipazione nella SGM, in vista della creazione di una struttura propria di trasporto del gas. Inoltre Edison ha avviato trattative per importare gas dal Mare dal Nord, in aggiunta al progetto di costruzione di un terminal gas in mare insieme alla Mobil, con l'obiettivo di soddisfare il 10% della domanda italiana di gas nel 2010. Intanto nei primi tre mesi del '98 le sue vendite sono aumentate del 6% rispetto allo stesso periodo del '97. Ciononostante una serie di fattori (minore produzione di gas, più bassi prezzi di vendita di una quota della produzione di energia elettrica all'Enel, il calo dei prezzi di petrolio e gas) dovrebbe far leggermente diminuire gli utili (-5% o -6% rispetto al '97). Nel '99 ci sarà invece una ripresa, con l'entrata in produzione di una nuova centrale elettrica e i primi effetti della liberalizzazione.
La società dimostra ottime capacità di crescita, tuttavia il titolo è caro e tiene già conto delle prospettive di crescita degli utili della società. Potete vendere al di sopra delle 17.000 lire.

EDISON

Ai prezzi attuali Edison sconta già le pur ottime prospettive di crescita della società. Vendere sopra le 17.000 lire

condividi questo articolo