Analisi
Microsoft 19 anni fa - martedì 26 maggio 1998

MICROSOFT

Microsoft (85,56 dollari), il gigante americano dei programmi informatici, è stato accusato dal Dipartimento di giustizia statunitense e da diversi Stati americani di aver violato le norme anti-trust per aver inserito nell'ultima versione di Windows un proprio browser (il programma per navigare su Internet). Tuttavia, nonostante il clamore dei media, quest'azione giudiziaria ha finora una portata limitata e, visto che potrebbe protrarsi a lungo, Windows '98 uscirà come previsto il prossimo giugno. Inoltre il gruppo conta di lanciare nel corso del prossimo anno una nuova versione di Microsoft Office (molto redditizio) e soprattutto la quinta versione di Windows NT, che dovrebbe fargli conquistare grosse fette di mercato nel promettente settore dell'informatica per le imprese. Se l'azione giudiziaria si estendesse anche a Windows NT la cosa sarebbe più grave. Si tratta infatti di un programma strategico per il gruppo perché gli apre fra l'altro un accesso privilegiato alle applicazioni professionali di Internet (commercio elettronico,...).
Le accuse di pratiche monopolistiche sono preoccupanti, ma restano circoscritte a Windows '98. Per il momento continuiamo a prevedere una crescita degli utili del 33% per l'esercizio '97-'98 e del 23% per quello '98-'99. Tuttavia l'azione è troppo cara per acquistarla. Mantenere.

MICROSOFT

Le accuse giudiziarie hanno arrestato la salita del titolo (in dollari). Mantenere, ma non acquistare.

 

 

condividi questo articolo