Analisi
Sirti 19 anni fa - martedì 12 maggio 1998

SIRTI

Sirti (10.900 lire) si occupa della progettazione, installazione e manutenzione di reti per telecomunicazioni. Nel 1997 ha realizzato 2.238 miliardi di ricavi (+35% rispetto al '96). Tuttavia, la riduzione degli interessi incassati e lo sviluppo all'estero (soprattutto in America Latina) tramite società non controllate interamente hanno determinato un ribasso del 7% degli utili del gruppo. Dopo il fallimento delle negoziazioni per un'acquisizione da parte di Pirelli, Sirti resta controllata da Telecom Italia (49% del capitale). Non verrà quindi più versato il dividendo straordinario di 3.200 lire, ma solo un dividendo di 520 lire, stabile rispetto al '96.
Telecom Italia ha deciso di limitare il progetto Socrate, per il quale Sirti aveva ottenuto un contratto di oltre 2.000 miliardi di lire, ripartiti in 5 anni. Tale decisione ha rimesso quindi in discussione la crescita del fatturato della società per i prossimi anni. L'acquisizione da parte di un altro gruppo (come Siemens, Alcatel...) potrebbe togliere la società dall'incertezza che grava sul suo avvenire.
Date le prospettive discrete, ma non brillanti del gruppo in Italia, non acquistate. L'avvenire del progetto Socrate resta incerto, ma quasi certamente questo sarà ridimensionato. Potete comunque mantenere l'azione, che è correttamente valutata: Telecom Italia desidera ancora vendere Sirti e l'affacciarsi di nuovi pretendenti potrebbe dare nuovo slancio al titolo.

 

SIRTI

L'acquisizione di Sirti da parte di un nuovo gruppo potrebbe far risalire l'azione. Mantenere.

 

 

condividi questo articolo