Analisi
Comit 19 anni fa - lunedì 29 giugno 1998

COMIT

Comit (10.745 lire) è a capo di un gruppo bancario con circa 1.400 sportelli distribuiti su tutto il territorio nazionale. L'istituto aveva avviato le trattative con la Banca di Roma per costruire assieme la maggiore banca italiana, ma il progetto è fallito. Ora Comit punta ad un'acquisizione nel Nord Italia, per la quale ha a disposizione circa 3.000 miliardi di lire. L'obiettivo sarà probabilmente una banca popolare (Verona, Novara o Agricola Mantovana) che permetta al gruppo di diventare leader in una particolare area geografica. In alternativa, Comit potrebbe fondersi con Mediobanca, di cui possiede già il 9% del capitale. Intanto, la banca rafforza la presenza all'estero (acquisizione in Brasile) e il legame con Generali, con cui collabora nel promettente settore del risparmio gestito. I buoni risultati ottenuti nei primi 5 mesi del '98 hanno spinto la banca a rivedere al rialzo gli obiettivi di redditività per i prossimi anni.
Ai prezzi attuali, l'azione è cara, ma può essere mantenuta per il lungo termine vista la discreta redditività e le probabili acquisizioni dietro l'angolo che potrebbero migliorarla. Gli speculatori possono addirittura acquistare per scommettere proprio sulle prossime acquisizioni dell'istituto.

COMIT

Fallita la fusione con Banca di Roma, gli speculatori acquistino per puntare sulle future acquisizioni.

 

 

condividi questo articolo