Analisi
BAT 18 anni fa - lunedì 7 settembre 1998

BAT

Lunedì il britannico BAT (577 pence) si è scisso in due società: BAT (tabacco) e Allied Zurich (assicurazioni).
Nel 1° semestre gli utili di BAT (tabacco) sono crollati del 27% (-18% considerando anche le assicurazioni). Il gruppo, n° 2 al mondo nel tabacco e attivo in 180 Paesi, ha infatti dovuto affrontare la crisi dei Paesi emergenti (Asia, Russia e Sud America), i costi degli accordi giudiziari negli USA e le spese supplementari per la ristrutturazione e la scissione della società. Anche se a breve termine questi elementi continueranno a rallentare la crescita degli utili di BAT, a lungo termine i mercati emergenti, dove il consumo di tabacco è in forte crescita e dove le leggi anti-fumo sono meno severe, rappresenteranno un forte potenziale di sviluppo per la società (le recenti perdite sono dovute soprattutto al crollo delle monete locali rispetto alla sterlina). Inoltre negli Stati Uniti BAT dovrebbe beneficiare di un probabile compromesso fra le autorità pubbliche e i produttori di tabacco che dovrebbe mettere fine ai processi. L'attività assicurazioni, invece, anche dopo la fusione con la svizzera Zurich, non ha le carte in regola (dimensioni insufficienti, redditività modesta, ristrutturazione tardiva...) per competere con i protagonisti del settore.
Ogni 2 azioni BAT riceverete 1 azione BAT (tabacco) e 1 azione Allied Zurich (assicurazioni). Su BAT siamo ottimisti: con la ripresa della crescita economica, attesa a medio termine, gli investimenti nei Paesi dove il consumo di tabacco è in forte crescita dovrebbero dare buoni frutti. Potete mantenere quindi le azioni BAT ricevute e anche acquistarne altre. Su Allied Zurich siamo invece scettici e vi consigliamo di vendere l'azione.

condividi questo articolo