Analisi
BES 19 anni fa - lunedì 14 settembre 1998

BES

Negli ultimi due mesi l'azione portoghese Banco Espirito Santo (BES, 5.070 scudi) ha molto risentito della crisi borsistica (-25%), nonostante l'annuncio di buoni risultati semestrali da parte della banca. I suoi utili sono infatti cresciuti del 28% – anche se per azione sono rimasti stabili per il maggior numero di azioni in circolazione dopo l'aumento di capitale – grazie soprattutto alla crescita delle commissioni per i servizi, ma anche dei prestiti concessi. E anche la situazione del brasiliano Banco Boavista-Inter Atlantico (di cui BES possiede il 21%), benché attivo in America Latina, non è preoccupante. D'altro canto l'esposizione complessiva di BES nei Paesi emergenti – compresa la banca polacca Kredyt (di cui possiede il 5%), la presenza in Cina e i titoli di credito – è modesta (500 scudi per azione, in parte coperti da accantonamenti). Infine l'avvenire di BES resta promettente soprattutto grazie alla riduzione dei tassi d'interesse e alla crescita economica in Portogallo.
Secondo noi il calo del titolo è esagerato. BES infatti ha buone prospettive in Portogallo ed è poco esposta sui mercati emergenti. Approfittate quindi del basso prezzo per acquistare quest'azione di qualità, correttamente valutata.

BES

BES non è molto esposta nei Paesi emergenti. Approfittate del calo dell'azione (in scudi) per acquistare.

 

 

condividi questo articolo