Analisi
Bulgari 19 anni fa - lunedì 14 settembre 1998

BULGARI

Bulgari (7.305 lire) produce gioielli (38% del fatturato), orologi (45%), profumi (14%)... Nel primo semestre dell'anno, le vendite sono aumentate del 27% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Malgrado la crisi in Asia (36% del fatturato, di cui il 17% in Giappone), le vendite nella regione sono aumentate del 26% (+33% in Giappone). I guadagni tuttavia ne risentiranno a causa della svalutazione delle monete asiatiche. Per quest'anno, stimiamo comunque una crescita degli utili del 20%. La strategia del gruppo è focalizzata sull'ampliamento della gamma dei prodotti cominciato nel '93 con il lancio di una linea di profumi. Oggi il gruppo commercializza anche articoli in seta, pelle, occhiali... a cui dal '99 si aggiungeranno coperti in porcellana, cristalleria e posate in argento. A questo proposito Bulgari ha appena firmato un accordo valido per sei anni con Rosenthal – celebre fabbrica tedesca di porcellane... – per vendere tali prodotti con il marchio Bulgari. Intanto agli inizi di ottobre debutterà il primo profumo nato dalla collaborazione con Ferragamo.
La strategia di diversificazione nei prodotti di lusso premia Bulgari. A nostro parere il titolo è stato eccessivamente penalizzato per la presenza del gruppo in Asia, dove ha comunque ottenuto buoni risultati.
L'azione è correttamente valutata. Approfittate del recente ribasso per acquistare.

BULGARI

Malgrado la crisi asiatica, le prospettive sono buone. Approfittate del ribasso per acquistare.

 

 

condividi questo articolo