Analisi
Intro 18 anni fa - lunedì 19 ottobre 1998

Wall Street ha guadagnato il 7,3% settimana scorsa trainando l'Europa.

IL TAGLIO AIUTA

• L'effetto sorpresa si è fatto sentire sulle piazze finanziarie internazionali settimana scorsa. L'inatteso taglio dei tassi ufficiali USA (vedi alle pagine 2 e 3) ha fatto salire prima Wall Street (+7,3%) e di seguito tutte le Borse del Vecchio Continente. Migliore prestazione: Madrid con +14,6%. La riduzione dei tassi d'interesse è di sostegno alle aziende USA vittime della crisi internazionale: permetterà loro di pagare meno interessi sui debiti, facendo salire gli utili. A ciò si è aggiunta un'altra buona notizia proveniente dal Giappone relativa alla presentazione di un piano di riforma del settore bancario che dovrebbe contribuire a risolvere in parte i problemi dell'economia nipponica. Tokio ha chiuso in rialzo del 3%.

• Anche Piazza Affari è tornata su con un brillante +13% circa. Malgrado il consistente balzo crediamo che il nostro listino nel prossimo futuro sarà ancora segnato da andamenti altalenanti, causati anche dai problemi legati alla risoluzione della crisi di Governo. Se un po' di fiducia è tornata sui mercati è bene non lasciarsi trascinare da un ottimismo che potrebbe rivelarsi effimero: siate estremamente selettivi e acquistate solo per il lungo termine. Eccezionale rialzo per Olivetti (+41%) dopo gli esagerati ribassi delle settimane passate. Il titolo è però troppo caro per essere acquistato. In rialzo anche Telecom Italia (+29% circa) sulla scia di indiscrezioni secondo le quali potrebbe aver luogo un cambio al vertice, Pirelli (+22% circa – vedi a lato) e Benetton (+20%). Acquistare tutti e tre i titoli. All'estero BES e Cimpor hanno guadagnato il 25% a testa mentre Axa e Michelin il 23% circa a testa. Malgrado il rialzo restano tutti ancora interessanti per il lungo termine.

condividi questo articolo