Analisi
Deutsche Bank 18 anni fa - lunedì 23 novembre 1998

DEUTSCHE BANK

Nei primi 9 mesi dell'anno la tedesca Deutsche Bank (DB; 108 marchi; DBKG.F), la prima banca dell'area euro, ha realizzato un utile per azione in calo del 26% a causa della crisi finanziaria internazionale (forte esposizione nei Paesi emergenti) e dei costi generali più elevati dei concorrenti europei. DB non resta tuttavia con le mani in mano e per migliorare la redditività cerca di espandersi sia in Europa sia negli USA. In Europa il tentativo di procurarsi tramite l'italiana Comit (4,5% del capitale) un secondo mercato di riferimento è tuttavia fallito: DB è stata scavalcata dall'alleanza fra la tedesca Commerzbank e l'italiana Generali (i principali azionisti di Comit). Negli USA la banca non è ancora riuscita a penetrare nel redditizio segmento della banca d'affari (mancata acquisizione della JP Morgan), anche se attualmente corre voce di una probabile acquisizione della Bankers Trust.
L'azione è correttamente valutata, ma in attesa che la redditività migliori, mantenere, ma non acquistare.

condividi questo articolo