Analisi
BES 18 anni fa - lunedì 14 dicembre 1998

BES

Nel 3° trimestre l'utile per azione della banca portoghese Banco Espirito Santo (BES, 5.270 scudi; BESN.N) è calato di circa l'11%. Ma ciò è dovuto soltanto alla crescita del numero di azioni in seguito all'aumento di capitale di quest'anno. Senza questa operazione, l'utile per azione di BES sarebbe cresciuto del 14%, grazie soprattutto alla spettacolare crescita dei crediti concessi. Inoltre, benché nel 3° trimestre i suoi guadagni sull'acquisto/vendita titoli per conto proprio (l'attività più penalizzata dalla crisi borsistica degli ultimi mesi) siano diminuiti del 7% rispetto allo stesso periodo del '97, BES è riuscita a non subire perdite neppure in quest'attività, compensando il calo delle azioni con il buon andamento delle obbligazioni detenute in portafoglio. Ciononostante, vista l'instabilità dei mercati finanziari, abbiamo leggermente ridotto le nostre previsioni sull'utile per azione nel '98 (310 scudi) e nel '99 (330 scudi). A più lungo termine le prospettive della banca restano positive. BES, non troppo esposta nei Paesi emergenti (1,8% delle attività), continua infatti a puntare in modo prudente sul Brasile e la Polonia - Paesi con un buon potenziale di crescita nel settore bancario - e cerca di aumentare la sua quota di mercato e i suoi utili in Portogallo, senza ricorrere all'apertura indiscriminata di sportelli.
BES non è riuscita a scampare alla tempesta borsistica portoghese. Ma vista la valida strategia della banca, potete continuare a acquistare l'azione, che è correttamente valutata.

BES

Anche se l'azione (in scudi) risente delle turbolenze del mercato, la banca ha buone prospettive. Acquistare.

 

 

condividi questo articolo