Analisi
Parmalat 18 anni fa - venerdì 4 dicembre 1998

PARMALAT

PARMALAT (3.035 lire) è attiva soprattutto nella produzione di latte (55% delle vendite), prodotti freschi (23%), succhi di frutta e salse (11%), biscotti (8%)... Leader mondiale nel settore del latte, la società consolida la propria posizione con nuove acquisizioni nell'America del Sud, che rappresenta già il 47% delle vendite. PARMALAT aggiungerà il Perù ai 26 Paesi in cui è attiva e rafforzerà la propria presenza in Colombia e Argentina. Il gruppo ha anche acquisito il 51% della spagnola Clesa, una delle società leader del Paese. Con quest'acquisizione, PARMALAT raggiunge una dimensione concorrenziale in Spagna. Inoltre il gruppo ha appena lanciato un nuovo latte (Plus Omega 3), con elementi che dovrebbero prevenire le malattie cardio-circolatorie. Il grado di innovazione e l'alta qualità dei prodotti permettono a PARMALAT di fissare prezzi più alti malgrado la forte concorrenza nel settore. Tuttavia, i buoni risultati commerciali non riescono ad assicurarle le risorse necessarie per finanziare l'aggressiva politica di crescita all'estero e la società continua a indebitarsi. E neppure il previsto aumento di capitale risolverà il problema.
Malgrado la buona strategia (innovazione tecnologica, sviluppo internazionale), l'aumento degli oneri finanziari legati al forte indebitamento frenerà la crescita degli utili. L'azione è cara. Non acquistare.

PARMALAT

Il principale problema di Parmalat è la sua situazione finanziaria. Non acquistare.

 

 

condividi questo articolo