Analisi
BAT 18 anni fa - lunedì 18 gennaio 1999

BAT

Il britannico BAT (672 pence - 18.546 lire BATS.L), oggi attivo esclusivamente nel tabacco, ha appena annunciato la sua fusione con Rothmans, il 4° al mondo nel tabacco, che dovrebbe concludersi nel 2° semestre dell'anno. Con questa acquisizione BAT porta al 16% la sua quota di mercato a livello mondiale, tallonando Philip Morris (17%). Questa acquisizione presenta anche altri vantaggi. Innanzitutto BAT (finora vende soprattutto sigarette con marchi locali e con margini di guadagno ridotti) potrà posizionarsi sul redditizio segmento delle sigarette di lusso (Dunhill,...), che rappresenteranno un 1/3 delle sue vendite totali. Inoltre il gruppo potrà rafforzarsi in Sud America, Africa, Asia e Australia, continenti che rappresenteranno le fonti future degli utili del gruppo. Qui infatti il consumo di tabacco aumenta di pari passo alla crescita economica e gli abitanti sono meno preoccupati che in Europa e negli USA delle conseguenze del fumo sulla salute.
La società ha pagato per quest'acquisizione un prezzo, secondo noi, ragionevole: 5 miliardi di sterline più altri 400 milioni di sterline per la ristrutturazione. Per il prossimo anno ci aspettiamo un utile per azione di 53,7 sterline rispetto alle 42 attese per il '98. Al prezzo attuale l'azione è ancora conveniente. Acquistare.

BAT

La fusione con Rothmans è molto interessante per BAT e l'azione dovrebbe salire ancora. Acquistare.

 

 

condividi questo articolo