Analisi
Boeing 18 anni fa - lunedì 11 gennaio 1999

BOEING

L'americano BOEING (35,81 dollari; BA.N) realizza il 58,5% delle vendite negli aerei civili e il 39,5% nelle attività militari e spaziali (aerei da combattimento, elicotteri,...).
Il gigante americano comincia male l'anno. La compagnia area scandinava SAS intende reclamargli diversi milioni di dollari come risarcimento per il ritardo nella consegna di 55 aerei B 737 (nuova versione del suo modello più diffuso). Anche se è possibile che le due parti raggiungano un accordo amichevole, ciò evidenzia ancora una volta le deficienze del sistema di produzione di BOEING. E, per di più, questa minaccia arriva proprio ora che il mercato aeronautico asiatico (uno dei grandi sbocchi per i grossi aerei) si contrae sotto l'effetto della crisi economica.
A trarre vantaggio dalla situazione sarà soprattutto il concorrente europeo Airbus che continua a ottenere nuovi ordini ed è meno colpito dalla crisi in Asia perché produce soprattutto aerei di piccola e media taglia. E anche se il Presidente Clinton ha annunciato di voler aumentare i finanziamenti al settore della difesa nei prossimi sei anni, cosa che dovrebbe favorire la sua divisione militare, ciò non basterà a risollevare le sorti di BOEING.
BOEING subisce la crisi del mercato dell'aviazione civile e dubitiamo della sua capacità di reazione. Anche se l'azione è correttamente valutata vi consigliamo quindi di non acquistare. Chi la possiede venda.

condividi questo articolo