Analisi
Comit 18 anni fa - lunedì 25 gennaio 1999

COMIT

La Banca Commerciale Italiana (COMIT - 5,3 euro; 10.262 lire) è a capo di uno dei maggiori gruppi bancari nazionali. Gli utili della capogruppo sono più che raddoppiati nel '98 rispetto all'anno precedente, in linea con le attese. Per il '99, ne stimiamo una crescita più contenuta, pari al 35% circa, per diversi motivi. In particolare, i margini di guadagno provenienti da interessi saranno più esigui, l'andamento dei mercati finanziari sarà meno favorevole e, infine, il gruppo potrebbe risentire della sua forte presenza in America Latina, dove controlla la Banque Sudameris, il Banco de Lima e il Banco America do Sul (acquisito l'anno scorso). Per affrontare la situazione, la COMIT ha avviato una profonda riorganizzazione, che dovrebbe consentirle di sviluppare i settori più redditizi: il risparmio gestito (in cui acquisirà il controllo totale di Genercomit), la banca d'affari (assunzione di partecipazioni e consulenza alle imprese), la bancassicurazione e i fondi pensione (in cui collabora con Generali)... COMIT possiede inoltre ingenti risorse per acquisire o fondersi con un'altra banca: mentre i colloqui con la Banca di Roma sono in stallo, potrebbe acquisire il Banco di Sardegna.
COMIT reagisce positivamente al peggioramento dell'economia, ma non è ancora chiaro quale accordo le assicurerà uno sviluppo stabile in futuro. Sebbene in prezzo sia corretto, vi consigliamo di non acquistare il titolo. Chi lo possiede può venderlo.

COMIT

Difficoltà per Comit nel recuperare i massimi del '98, per l'incertezza sugli accordi. Non interessante.

 

 

condividi questo articolo