Analisi
Mannesmann 18 anni fa - lunedì 18 gennaio 1999

MANNESMANN

Il conglomerato tedesco MANNESMANN (110 euro - 212.990 lire; MMNG.F) è attivo in 4 divisioni: ingegneria, attrezzature per auto, tubi e telecomunicazioni. Quest'ultima attività sebbene rappresenti solo il 20% del fatturato (dati del 1° semestre '98) costituisce la maggiore fonte di utili (oltre il 60%). Per il 1998 il gruppo ha annunciato una crescita del 50% degli utili (prima della detrazione delle imposte e degli elementi straordinari) e del 14% delle vendite. Segno che la sua strategia dà buoni frutti. Per accrescere la redditività MANNESMANN vende infatti filiali o partecipazioni non strategiche e si rafforza nelle attività di base. Da due anni inoltre il gruppo investe in modo mirato nei servizi per telecomunicazione, dove si è imposto come il leader tedesco della telefonia mobile battendo anche Deutsche Telekom. Forte del suo successo in Germania, il gruppo si è lanciato sugli altri principali mercati europei (Francia, Italia e Austria), dove ricerca soprattutto i segmenti più redditizi (telefonia mobile e clientela d'affari). Anche in futuro il gruppo, che occupa già una posizione di prestigio sulla scena europea, continuerà a tessere la sua tela nelle telecomunicazioni, sia nella telefonia fissa che in quella mobile in modo da ridurre i rischi e diminuire i costi di interconnessione alle reti. In più MANNESMANN ha creato una filiale di servizi di telecomunicazioni (Euro. map) per rispondere ai bisogni delle multinazionali. Anche le divisioni ingegneria e attrezzature auto vanno bene e contribuiscono all'aumento della redditività. Il gruppo può contare infine su una buona solidità finanziaria dopo l'aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro del giugno scorso.
MANNESMANN continuerà ad attuare questa strategia che dà già buoni frutti che si tradurrà in una crescita della redditività. Tuttavia l'azione è troppo cara per l'acquisto. Mantenere.

MANNESMANN

Il gruppo ha buone prospettive, ma l'azione è troppo cara per l'acquisto. Mantenere.

 

 

condividi questo articolo