Analisi
Intro 19 anni fa - lunedì 22 febbraio 1999

Telecom Italia schizza verso l'alto in attesa dell'OPA di OLIVETTI.

LA MADRE DI TUTTE LE BATTAGLIE

• Una settimana - che stava scivolando tranquilla e tra scambi non esaltanti - è stata improvvisamente svegliata da indiscrezioni sul lancio di un'Offerta Pubblica d'Acquisto da parte della OLIVETTI su Telecom Italia. L'operazione, poi confermata nel fine settimana, è una delle più grandi mai tentate sul mercato italiano. OLIVETTI offre 10 euro per ogni azione ordinaria Telecom Italia. Solo una parte sarà in contanti (6 euro), mentre il resto sarà pagato in obbligazioni e azioni della Tecnost (una controllata OLIVETTI). Se l'operazione andrà a buon fine, OLIVETTI venderà la sua quota di Omnitel e Infostrada al partner tedesco Mannesmann. Secondo noi, l'offerta di OLIVETTI ha poche probabilità di successo in quanto il prezzo offerto non è certo generoso e una parte non è pagata in contanti. Non è da escludere quindi un rilancio a prezzi più elevati, viste anche le barriere che i vertici di Telecom Italia stanno innalzando (battaglia giuridica) o l'intervento di un alleato estero (British Telecom?). In attesa che la guerra entri nel vivo (Telecom Italia presenterà in settimana il suo piano industriale), il nostro consiglio è di mantenere Telecom Italia per approfittare di un eventuale rilancio. Gli speculatori possono anche acquistare dando un limite di prezzo di massimo 10 euro. Non acquistate OLIVETTI, che vedrà aumentare il proprio indebitamento e dovrà probabilmente rivedere al rialzo la sua offerta. Mannesmann ha i mezzi per acquisire le attività nelle telecomunicazioni di OLIVETTI e rappresenta uno dei migliori titoli del settore in Europa. Tuttavia ai prezzi attuali, preferiamo mantenere. Potete anche acquistare Sirti che potrebbe essere uno dei primi pezzi di Telecom Italia a essere venduto.

condividi questo articolo