Analisi
Option International 18 anni fa - martedì 23 febbraio 1999

OPTION INTERNATIONAL

• Trasmissione dati
• Easdaq
• 30 Dollari Usa
OPTION INTERNATIONAL, azienda belga produttrice di carte modem per portatili, ha comunicato i dati relativi al 1998 Questi dati sono molto deludenti: il fatturato è salito solo del 31%, molto meno delle previsioni aziendali, pari al 100% e gli utili netti per azione (EPS) sono passati da 0,04 Dollari (nel 1997) a -0,1 Dollari .
Le ragioni di questi risultati negativi sono due: innanzitutto Option ha più che triplicato gli investimenti in pubblicità e marketing, aprendo molti uffici commerciali all'estero. Inoltre il mercato ha accettato con molto ritardo l'ultimo prodotto della società: FirstFone.
Benché le vendite di FirstFone abbiano incominciato a decollare nell'ultimo trimestre del 1998 (e siano state pari al 22% delle vendite totali), siamo ancora lontani dalla cifra necessaria a riportare la società in utile. In più Motorola lancerà un prodotto concorrente di FirstFone entro il 1999, e con Nokia e Ericsson già sul mercato, la competizione peserà sugli utili.
In oltre, il mercato in cui è attiva Option - quello della trasmissione di dati senza fili - non dovrebbe crescere sino alla metà del 2000, cioè quando sarà pronta la nuova tecnologia (che porterà la velocità di trasmissione da 9.6 a 64 Kbit/second).
Per fortuna Option sta cercando di diversificare le sue attività. Ad esempio ha appena concluso un contratto con una compagnia telefonica cinese, per la realizzazione di un telefonino. Questo contratto da 7,5 milioni di Dollari Usa, può essere il primo passo per espandersi in una regione con forti potenzialità (basti pensare all'enorme numero di abitanti)

Benché ci aspettiamo che nel breve periodo Option possa comunicare qualche buona notizia, l'azione rimane molto cara. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo