Analisi
Tag Heuer 18 anni fa - martedì 9 febbraio 1999

TAG HEUER

• Orologi
• Zurigo
• 112,5 Franchi svizzeri

TAG HEUER si sta comportando bene. Nel quarto trimestre del 1998 le vendite hanno raggiunto i 125 milioni di Franchi svizzeri - praticamente invariate rispetto allo stesso periodo del 1997 - idimostrando che Tag ha assorbito il contraccolpo dovuto alla crisi dei mercati asiatici, anzi le vendite in quest'area sono salite del 5%!. Ma, dopo che la crisi asiatica è passata molti temono l'arrivo di una crisi americana, in quanto le vendite in questo continente sono scese del 12% nell'ultimo trimestre. E' vero? Per avere una risposta ci siamo recati a Marin (Svizzera) dove Tag ha il suo quartier generale. Qui abbiamo scoperto che il Brasile rappresenta una parte molto piccola delle vendite del gruppo, mentre negli Stati Uniti il rallentamento delle vendite è dovuto ad un temporaneo aumento delle importazioni clandestine provenienti dall'Oriente. Sembra infatti che l'ex-importatore Tag nell'ex colonia inglese abbia venduto tutte le sue rimanenze negli Stati Uniti, mentre nello stesso periodo Tag stava creandosi la sua rete di vendita diretta ad Hong Kong. In trend positivo iniziato in Asia nel quarto trimestre dovrebbe continuare anche quest'anno, specialmente in Giappone, dove Tag sta completamente ristrutturando la sua rete di vendita (eliminando molti distributori all'ingrosso).
Se guardiamo al catalogo dei prodotti, abbiamo scoperto con piacere che le vendite di Kirium stanno andando molto bene, con oltre 100.000 pezzi venduti, dal lancio, avvenuto circa un anno fa; inoltre sono stati risolti tutti i problemi produttivi. Sempre riguardo i nuovi prodotti nel 1999 Tag lancerà due nuovi orologi: il primo tra aprile e maggio, rivolto alla clientela femminile e il secondo in ottobre. Il lancio di questi nuovi prodotti porterà ad un aumento delle spese pubblicitarie e quindi noi abbiamo rivisto, al ribasso, le nostre previsioni per il 1999. Quindi gli utili per azione (EPS) non dovrebbero variare rispetto a quest'anno (9,67 Franchi contro 9,64). Invece gli utili dovrebbe ritornare a salire l'anno prossimo e raggiungere i 15,74 Franchi nel 2001. Infatti gli sforzi derivanti dalla ristrutturazione del gruppo (nuove e più esclusive collezioni, rafforzamento dei canali distributivi, diminuzione dei debiti, un nuovo impianto produttivo: più grande e più efficiente) dovrebbero portare i loro frutti, sempre che Tag rinunci alla sua politica di acquisizioni. Infatti qualora Tag acquistasse o dovesse fondersi con un'altra società svizzera potrebbero sorgere delle difficoltà improvvise. Però, non ci siamo ancora, anche se la dirigenza ci ha detto che sta lavorando su una tale iniziativa.

In conclusione, nonostante il momentaneo rallentamento dei profitti, noi confermiamo il nostro giudizio. ACQUISTARE.

ANDAMENTO DEL PREZZO DI TAG HEUER IN FRANCHI SVIZZERI

condividi questo articolo