Analisi
Unim 18 anni fa - lunedì 8 febbraio 1999

UNIM

UNIM (0,5 euro - 968 lire), quotata dallo scorso novembre, ha ereditato gran parte del patrimonio immobiliare dell'INA (che ne possiede il 16% del capitale). La società ha annunciato la proposta - che dovrà essere approvata dall'assemblea dei soci in aprile - di distribuire un dividendo straordinario di 125 lire (0,065 euro) per azione per complessivi 585 miliardi di lire. L'obiettivo è quello di ridare ai soci l'eccesso di liquidità di cui la società dispone e che non intende utilizzare in nuovi investimenti in campo immobiliare.
UNIM possiede proprietà immobiliari per un totale di 1,8 milioni di metri quadri, concentrate soprattutto a Roma (67% del totale) e Milano (19%), con un valore di mercato di circa 5.000 miliardi di lire. La società ha un alto valore patrimoniale (circa 1.200 lire per azione - 0,62 euro), ma presenta una bassa redditività. Per risolvere questo problema, UNIM mira a vendere gli immobili meno redditizi, a rinegoziare i contratti d'affitto e ad ammodernare gli immobili.
Per migliorare la propria redditività, UNIM ha avviato un processo di ristrutturazione, che è però lungo e legato alla ripresa del mercato immobiliare. Ai prezzi attuali, il titolo è caro. Vendere.

UNIM

 

L'annuncio del dividendo straordinario ha ridato vigore al titolo che resta caro. Vendere.

 

 

condividi questo articolo