Analisi
Complimenti ABB ! 18 anni fa - lunedì 10 maggio 1999

COMPLIMENTI ABB!

Cambiamento in vista per gli azionisti ABB: il gruppo ha infatti deciso di utilizzare un unico tipo di azioni. Vediamo i dettagli e i punti oscuri.

Il programma di ABB

• Attualmente ABB (circa 2.200 franchi svizzeri) è composta da diverse società quotate in Svizzera, in Svezia e negli Stati Uniti (sul Nasdaq) con diversi tipi di azioni. Il gruppo ha deciso di riunire tutte le azioni. Nascerà così una nuova società ABB Group, che avrà un solo tipo di azioni e che sarà quotata dal 22 giugno alla Borsa di Stoccolma e dal 28 anche in quelle di Zurigo, Londra e Francoforte.
• Agli azionisti verranno date 16,21 nuove azioni ogni vecchia azione posseduta. Verrà inoltre assegnato un dividendo straordinario di 30 franchi svizzeri (circa 36.000 lire).

Il consiglio

• Vi consigliamo di aderire all'offerta. L'operazione è infatti vantaggiosa (per l'assegnazione del dividendo straordinario e perché ci sarà un solo titolo quotato con effetti positivi sulla negoziabilità del titolo stesso). Riteniamo inoltre interessante l'investimento in ABB, società che si è liberata delle attività meno interessanti per concentrarsi su quelle più redditizie. La società beneficierà inoltre della ripresa dei mercati emergenti.
• Per partecipare all'offerta avete tempo fino al 15 giugno, ma vi consigliamo di non aspettare l'ultimo momento: contattate al più presto la vostra banca.

Il "guaio"

L'unico problema di quest'offerta - complimenti alla società! - è il rapporto di cambio. Per ogni vecchia azione, otterrete infatti 16,21 azioni. Poiché non possono essere assegnate frazioni di azione, si pone il problema di cosa farne. Purtroppo, siete destinati a rimetterci una cifra variabile a seconda delle azioni ABB in vostro possesso. In occasione di operazioni di questo tipo, in Italia, viene individuato un intermediario che si occupa della negoziazione di queste frazioni, ma a proposito dell'offerta ABB non si sa niente. Non vi resta quindi che chiedere alla vostra banca se si è creato un mercato per queste frazioni azionarie. Se la risposta è affermativa e se volete vendere quella in vostro possesso, chiedete prima a quanto ammonterebbero le spese: potreste scoprire che il loro livello è tale da rendere controproducente la vendita.

condividi questo articolo