Analisi
Ericsson 18 anni fa - lunedì 21 giugno 1999

ERICSSON

ERICSSON Italia (31,40 euro - 60.799 lire), filiale italiana del gruppo svedese ERICSSON, è conosciuta soprattutto per i telefoni cellulari, ma realizza la maggior parte del suo fatturato con i sistemi di telecomunicazione (fissa e mobile) per gli operatori delle telecomunicazioni e le società. A livello mondiale, ERICSSON è leader nelle reti di telefonia mobile. L'evoluzione del settore delle telecomunicazioni è molto favorevole alla società. Ovunque, la telefonia mobile e il trasporto dati (soprattutto via Internet) conoscono una forte crescita e spingono la domanda di infrastrutture, a tutto vantaggio di ERICSSON Italia. La società beneficia già dei contratti con TIM e Wind per i sistemi di telefonia mobile, che le assicureranno una buona crescita per i prossimi anni. Inoltre ERICSSON è ben posizionata anche nel progetto di integrazione tra telefonia fissa e mobile e l'Italia sarà uno dei primi Paesi a beneficiarne dal 2001. Quest'innovazione tecnologica dovrebbe spingere i margini di guadagno della società. Nel 1° trimestre del '99, infine, il fatturato italiano del gruppo è cresciuto del 26% annuo.
Il punto forte di ERICSSON è l'infrastruttura. Il dinamismo del mercato italiano e l'evoluzione tecnologica molto rapida sono di buon auspicio per la crescita della società. Potete acquistare l'azione, correttamente valutata.

ERICSSON

Il prezzo di Ericsson resta indietro. Dovrebbe comunque tornare la fiducia sul titolo. Acquistare.

 

 

condividi questo articolo