Analisi
Intro 18 anni fa - lunedì 14 giugno 1999

La Borsa di Francoforte è stata la migliore settimana scorsa.

LA GUERRA E' FINITA

• Bilancio contrastato per le Borse occidentali settimana scorsa. Negli USA predomina sempre il timore di un rialzo dei tassi d'interesse: i rendimenti a 30 anni hanno superato il 6% e l'indice Dow Jones ha perso quasi il 3%. In Europa, la fine della guerra in Kossovo e la crescita dell'economia tedesca hanno spinto al rialzo la Borsa di Francoforte di oltre il 3%. Il ribasso dei tassi ufficiali in Gran Bretagna ha invece determinato un guadagno del 2% alla Borsa di Londra. Continuate a preferire le azioni dell'area euro.

• Modesto rialzo invece per la Borsa di Milano (+0,23%), che risente più delle altre della salita dei rendimenti obbligazionari, a causa dei numerosi titoli assicurativi (-0,7%) e bancari (-0,1%) del nostro listino. I titoli di Stato che queste società hanno in portafoglio rischiano di svalutarsi. Non dedicate alle azioni italiane più di un decimo del vostro portafoglio.
Nel settore bancario,
Banca Intesa (+1,16%) ha avviato i colloqui con la Comit (+1,76%) per poterla acquisire. Non acquistate Banca Intesa e mantenete Comit. Fra i titoli peggiori della settimana, Fiat ha perso il 2,5% nonostante le voci di un accordo con la giapponese Mitsubishi. Mantenere. Positiva invece Ericsson (+8,3%) per le voci di possibili accordi nel settore. Potete ancora acquistare. Buon rialzo anche per Bulgari (+5,8%), che però è diventata cara. Potete mantenerla, ma non acquistatela più.

• A Londra
Rio Tinto (+14%), molto sensibile alla congiuntura asiatica, ha beneficiato dei dati positivi sulla crescita giapponese. Potete acquistare. A New York prosegue la crescita dei titoli ad alta tecnologia: Texas Instruments ha guadagnato il 7,3% e Intel il 2,3%. Potete acquistare entrambi.

condividi questo articolo