Analisi
La Fondiaria 18 anni fa - lunedì 7 giugno 1999

LA FONDIARIA

LA FONDIARIA (5,47 euro - 10.591 lire) è la sesta compagnia d'assicurazioni in Italia, con una raccolta premi di oltre 5.600 miliardi di lire nel '98. I suoi maggiori azionisti sono Compart (32% del capitale), Mediobanca (14%) e Generali (6%). Compart, società in ristrutturazione, potrebbe presto cedere LA FONDIARIA. Le alternative sono almeno due: una vendita alle Generali (leader di settore) oppure la fusione con la SAI (che ha dimensioni simili). Queste mosse consentirebbero anche di migliorare le prospettive della compagnia, che non sono ottime. LA FONDIARIA è infatti troppo poco presente nel ramo vita (solo un quarto dei premi raccolti), anche perché i suoi accordi di bancassicurazione (vendita di polizze agli sportelli bancari) sono insufficienti. Nel ramo danni (75% dei premi), dopo il risanamento degli ultimi anni, i risultati della gestione assicurativa miglioreranno, ma saranno bilanciati dal peggioramento della gestione finanziaria. Il portafoglio titoli del gruppo è infatti concentrato per tre quarti in obbligazioni, che risentono del basso livello raggiunto dai tassi d'interesse. Prevediamo quindi che l'utile per azione rimanga stabile a circa 0,21 euro nel 1999 e nel 2000.
Dato il ristagno atteso dei risultati, l'azione è cara e vi sconsigliamo di acquistarla. Gli speculatori possono invece scommettere sulle operazioni straordinarie.

LA FONDIARIA

Risultati stagnanti. Non acquistare. La Fondiaria potrebbe tuttavia essere ceduta. Solo per speculatori.

 

 

condividi questo articolo