Analisi
Philip Morris 18 anni fa - lunedì 14 giugno 1999

PHILIP MORRIS

L'americano PHILIP MORRIS (PM; 42,03 dollari - 77.551 lire; MO.N), il leader mondiale del tabacco, ha annunciato per il 1° trimestre '99 un utile per azione (senza elementi straordinari) in crescita dell'1%. Un piccolo risultato, dovuto soprattutto al calo (-10%) delle quantità vendute nel tabacco negli USA, in seguito all'aumento dei prezzi per finanziare l'accordo da oltre 200 miliardi di dollari (di cui quasi il 50% a carico di PM), concluso dai produttori di tabacco e 46 Stati americani per costituire un fondo per risarcire le vittime del fumo. Ciononostante, i problemi giudiziari del gruppo non sono terminati. Basta pensare che a fine '98 aveva in corso ancora 500 cause intentate contro di lui da privati, associazioni, ospedali... In più recentemente il Presidente Clinton ha annunciato che il Dipartimento americano di giustizia sta cercando il modo per recuperare i costi sostenuti dal Governo federale per curare i fumatori. E' quindi troppo presto per pronosticare la fine della stagione dei processi.
Malgrado l'azione sia conveniente e il gruppo abbia buoni fondamentali, le cause giudiziarie negli USA invitano alla prudenza. Mantenere.

PHILIP MORRIS

Il titolo (in dollari) risente delle incertezze legate alle cause giudiziarie negli USA. Mantenere.

 

 

condividi questo articolo