Analisi
Al correntista non far sapere... 17 anni fa - lunedì 13 settembre 1999

AL CORRENTISTA NON FAR SAPERE...

In occasione del raggruppamento MONTEDISON, mi sono state attribuite 1.300 nuove azioni. Credevo che l'operazione avvenisse in modo automatico e gratuito. Invece, con mia grande sorpresa, ho scoperto che la banca mi ha addebitato 30.000 lire di spese. Vi sembra corretto?

• Ci associamo alla sua indignazione: le banche fanno di tutto, ma proprio di tutto, pur di succhiare soldi all'ignara clientela. Persino un'operazione come il raggruppamento MONTEDISON diventa un buon pretesto: sarebbe bello se la sua banca le spiegasse nel dettaglio quali operazioni e quali costi ha dovuto sostenere per tramutare le sue 2.500 vecchie azioni in 1.300 nuove azioni. I titoli non vengono custoditi fisicamente dalla banca: sono depositati presso la MonteTitoli proprio per ridurre al minimo i costi e il cambio tra vecchie e nuove azioni è questione di pochi secondi, il tempo necessario per schiacciare qualche tasto su un computer.
• In genere, i recuperi spese pretesi dalle banche per questo tipo di operazioni non figurano esplicitamente nei contratti: per verificare se la banca ha agito con una qualche legittimità vada in agenzia e controlli i fogli analitici che a seguito della legge cosiddetta "sulla trasparenza bancaria" devono essere a disposizione del pubblico gratuitamente presso ogni agenzia. Questi fogli devono riportare i costi massimi che la banca può applicare per ogni tipo di servizio.
• Se la banca ha violato la legge sulla trasparenza - applicandole ad esempio 30 mila lire di spese contro le 5-10 mila riportate sui fogli o, a maggior ragione, se il recupero spese non è proprio previsto - allora deve scrivere all'ufficio reclami della banca pretendendo la restituzione del maltolto e può contemporaneamente presentare un reclamo alla sede della Banca d'Italia più vicina (quella della sua città o del suo capoluogo di provincia, l'indirizzo lo trova sull'elenco del telefono).
• Se invece la spesa è prevista (compare cioè sui fogli analitici e la cifra non è inferiore alle 30 mila lire che le sono state prelevate), allora c'è poco da fare: deve per forza mandar giù il boccone amaro. Ad ogni modo, le consigliamo di segnalare il problema anche alla MONTEDISON, scrivendo all'Ufficio relazioni con gli azionisti, Via Cerva 28 - 20122 Milano.

condividi questo articolo