Analisi
Generali acquista l'INA 18 anni fa - lunedì 29 novembre 1999

GENERALI ACQUISTA L'INA

Fino al 14 dicembre gli azionisti dell'INA possono aderire all'Offerta Pubblica di Acquisto e di Scambio (OPAS) proposta da Generali. A nostro avviso non è interessante e vi consigliamo di vendere le azioni INA in Borsa.

L'offerta Generali

In cambio di ogni azione INA, Generali propone 0,83 euro (1.607 lire) in contanti più 0,07 azioni Generali. Per un lotto minimo di 2.000 azioni INA, avete quindi diritto a 1.660 euro (3,2 milioni di lire) più 140 azioni Generali. A nostro avviso, questa seconda parte dell'offerta non è interessante, perché il prezzo del titolo Generali è caro in quanto sopravvaluta le prospettive del nuovo gruppo Generali-INA.
Vi consigliamo pertanto di non aderire all'OPAS e, se non l'avete già fatto, di vendere in Borsa le azioni INA che possedete. Pagherete delle commissioni di vendita, ma eviterete anche di ritrovarvi con dei titoli poco interessanti.
In ogni caso, non mantenete le azioni INA: dopo l'OPAS diventeranno illiquide (difficilmente rivendibili) e potrebbero essere ritirate dalla quotazione in Borsa.

Il dividendo INA

Se siete azionisti INA, avrete comunque ricevuto il dividendo anticipato di 128 lire per azione distribuito il 29 novembre (vedi Soldi Sette n° 378).

ANDAMENTO DI INA

Se siete azionisti INA, vi sconsigliamo di aderire all'OPAS lanciata da Generali. Vendete il titolo dopo aver intascato il dividendo.

condividi questo articolo