Analisi
Option International 17 anni fa - martedì 30 novembre 1999

OPTION INTERNATIONAL

• Trasmissione dati
• Easdaq
• 9 dollari statunitensi

Mentre le società di punta come Nokia e Ericsson hanno fatto un grande sforzo di immaginazione per presentare i loro prodotti per il futuro, al recente salone delle telecomunicazioni di Ginevra, OPTION INTERNATIONAL si è limitata ha presentare una versione migliorata di FirstFone. Questa nuova versione permette di trasmettere dati ad una velocità di 14,4 Kbps contro i 9,6 della precedente, comunque è una velocità ancora troppo bassa perché la comunicazione dei dati diventi interessante. Quindi la sopravvivenza di questo settore è legata alla scoperta di un prodotto veramente rivoluzionario. I risultati relativi al terzo trimestre 99, e pubblicati recentemente, ne sono la prova. Il ritardo nel lancio di un nuovo prodotto ha avuto come effetto una perdita di 100 milioni di franchi belgi (pari a 2,47 milioni di euro), per i primi 9 mesi dell'anno, rispetto ad un utile di 8 (circa 198 mila euro) nello stesso periodo del 98. Inoltre in seguito ad un ritardo nella produzione di telefoni portatili per il mercato cinese le vendite sono scese del 33%, sempre rispetto allo stesso perido del 98. Speriamo che la nuova strategia commerciale, focalizzata nella vendita agli OEM (Original Equipment Manufacturers) e tramite una propria rete distributiva, che deve essere ancora creata, sarà utile per stabilizzare il fatturato e migliorare i risultati. Significativo è il recente accordo firmato Handspring (concorrente di 3Com) per lo sviluppo di un modulo che permette la comunicazione senza cavo tra il suo prodotto Visor (computer tascabile) e un PC normale.

La direzione di Option prevede degli utili per l'anno 2000, mentre secondo noi realizzerà ancora delle perdite. Sino a quando la società non firmerà un accordo con un importante operatore IT o delle telecomunicazioni, continueremo ad avere dubbi sulla solidità dell'azienda nel lungo periodo. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo