Analisi
Rinascente 17 anni fa - martedì 4 gennaio 2000

RINASCENTE

RINASCENTE (6,20 euro; 12.005 lire) è una delle più importanti società in Italia nella distribuzione moderna (grandi superfici di vendita self-service) con oltre 900 punti vendita (ipermercati Città Mercato e Auchan, supermercati SMA, grandi magazzini La RINASCENTE e Upim, superfici specializzate Brico e Leroy Merlin). La società ha proposto la conversione delle azioni privilegiate in ordinarie (7 ordinarie ogni 10 privilegiate) per eliminare una categoria di azioni costosa e poco liquida. Nei primi 11 mesi dell'anno RINASCENTE ha realizzato vendite per 9.083 miliardi di lire e dovrebbe superare la barriera dei 10.000 miliardi per la fine dell'anno (+20% rispetto all'anno precedente). L'obiettivo della società è di arrivare a 15.000 miliardi entro il 2003 grazie a un imponente piano di apertura di nuovi punti vendita (soprattutto ipermercati e bricolage) e alla riorganizzazione di quelli esistenti (ipermercati, rilancio della formula Upim...).
Il titolo dovrebbe beneficiare della crescita dei consumi legata alla ripresa economica. Tuttavia si profila all'orizzonte la minaccia del commercio elettronico che potrebbe penalizzare le vendite, vista la mancanza di progetti in questo senso da parte di RINASCENTE. Il titolo ai prezzi attuali tiene ampiamente conto delle prospettive di crescita degli utili della società ed è caro. Non acquistare. Vendere le privilegiate.

RINASCENTE

Nonostante il buon andamento delle vendite, il titolo perde quota. Non acquistare.

condividi questo articolo