Analisi
Siemens 17 anni fa - lunedì 31 gennaio 2000

SIEMENS

Molto migliori del previsto i risultati del conglomerato tedesco Siemens (151 euro – 292.377 lire; SIEG.F) nel 1° trimestre (l'esercizio chiuderà il 30/09/2000). L'utile per azione (senza elementi straordinari) è cresciuto del 91% e il fatturato del 12%. E se va segnalato il buon andamento delle vendite di semiconduttori e cellulari, tutte le divisioni sono ormai redditizie e gli ordinativi sono cresciuti globalmente del 15%. Il gruppo beneficia della ripresa economica (+32% le vendite negli USA) e dei primi risultati della ristrutturazione, che prevede la vendita delle attività non strategiche o troppo costose e il rafforzamento in quelle più redditizie e più promettenti, come le tecnologie dell'informazione. Non per nulla Siemens ha già rialzato i suoi obiettivi nella telefonia mobile, dove conta di vendere nel 2000 50% di cellulari in più del previsto e di accaparrarsi nei prossimi 2 o 3 anni una quota di mercato del 10-15% (6% nel 1998/'99). Infine quest'anno il gruppo dovrebbe ottenere lauti guadagni con l'introduzione in Borsa di Epcos (componenti elettronici, già realizzata) e di Infineon (semiconduttori, che si terrà dal 21/2 al 10/3).
La ristrutturazione procede più rapidamente delle attese e il gruppo ha buone prospettive future di utili. Abbiamo quindi rialzato le nostre previsioni sul suo utile per azione da 3,6 a 4,5 euro per il 1999/2000 e da 4,5 a 5,6 euro per il 2000/2001. L'azione è correttamente valutata. Acquistare.

SIEMENS

La ristrutturazione del gruppo, più rapida delle attese, spinge in alto il titolo. Acquistare.

condividi questo articolo