Analisi
Genset 17 anni fa - martedì 8 febbraio 2000

GENSET

· Biotecnologie
· Parigi (Euro.NM)
· 85,65 euro

Il gruppo francese Genset, numero 1 europeo della genomica e specialista nella scoperta dei geni responsabili di malattie come il cancro, la schizofrenia, l'osteoporosi o l'obesità, ha appena firmato un accordo con il Whitehead Institute for Biomedical Research (WIBR), un organismo conosciuto a livello mondiale per i suoi programmi innovativi nella biologia cellulare, nella ricerca sul cancro, la genomica e le malattie infettive. L’accordo riguarda una partnership nella ricerca e nella collaborazione per l'individuazione e la caratterizzazione dei geni responsabili del diabete e dell'obesità. Esso rappresenta la prima tappa di un vasto programma di clonazione, che ha lo scopo di identificare e validare i geni responsabili delle disfunzioni a livello metabolico.
Inoltre, Genset ha ottenuto una licenza esclusiva su un brevetto americano del WIBR concernente un gene umano legato ad una proteina che favorisce l'obesità e il diabete di tipo II. Questa licenza rafforza il portafoglio brevetti di Genset nel settore delle disfunzioni metaboliche e accresce la possibilità di avviare maggiori collaborazioni con grandi gruppi farmaceutici impegnati a concepire le cure contro queste due malattie.
Tra le novità di rilievo segnaliamo anche la costituzione della nuova filiale australiana, dopo l'acquisto di una partecipazione maggoritaria nella Pacific Oligos Pty. Ltd., una società leader, in Australia, nella produzione del DNA di sintesi. Questa filiale consolida la leadership mondiale di Genset nella produzione del DNA di sintesi e allarga la sua presenza nel continente australiano.

L’accordo con il WIBR conferma le buone basi di Genset, dal punto di vista scientifico. Però non è ancora stato firmato nessun accordo con un grande gruppo farmaceutico e quindi prevediamo una perdita di 3,16 euro per azione, per l'esercizio chiusosi il 31 dicembre 99. Nell'attesa di nuove notizie, preferiamo stare a distanza. NON ACQUISTATE.

condividi questo articolo