Analisi
La Fondiaria 17 anni fa - lunedì 21 febbraio 2000

LA FONDIARIA

La Fondiaria (4,70 euro – 9.100 lire) è un gruppo assicurativo di medie dimensioni, attivo nei rami danni (75% dei premi) e vita (25%). Generali, uno dei suoi maggiori azionisti (6% del capitale), dovrà vendere la propria partecipazione entro la fine dell'anno, in seguito all'acquisizione dell'INA. Primo acquirente potrebbe essere Mediobanca, che rafforzerebbe così il proprio controllo (oggi al 13%) sulla compagnia. Altro interessato è il Monte dei Paschi di Siena, che, in questo settore, ha già un accordo per la vendita di polizze vita ai propri sportelli con la SAI. Questa compagnia ha dimensioni simili a quelle della Fondiaria, con la quale potrebbe fondersi per creare il 2° polo assicurativo nazionale. L'unione consentirebbe importanti risparmi di costi, ma non risolverebbe il problema di una presenza eccessiva nel ramo danni. La Fondiaria mostra comunque conti in ripresa. Nel '99, la capogruppo ha triplicato gli utili, mentre la controllata Milano Assicurazioni li ha quasi raddoppiati, grazie alla riduzione dei costi e ai guadagni straordinari realizzati con la vendita della partecipazione in Telecom Italia. Ci aspettiamo quindi un utile totale di 0,375 euro per azione per il '99 e di 0,3 euro nel 2000.
I risultati '99 sono positivi, ma il titolo ne tiene ampiamente conto ed è caro. Non acquistare. La vendita della quota da parte di Generali aumenta invece l'interesse speculativo del titolo. Solo per speculatori.

LA FONDIARIA

Il titolo, che è caro, ruota intorno ai 5 euro in attesa di novità sulle aggregazioni. Solo per speculatori.

condividi questo articolo