Analisi
Alitalia 17 anni fa - lunedì 6 marzo 2000

ALITALIA

Alitalia (2,09 euro – 4.047 lire) è la principale compagnia aerea italiana. Nei giorni scorsi la società ha firmato un accordo con Aeroporti di Roma relativo ai servizi di assistenza a terra per l'aeroporto di Fiumicino. L'intesa consente una parziale apertura alla concorrenza del mercato della gestione aeroportuale in teoria libero nell’Ue dal primo gennaio 1999 ma, in Italia e pochi altri Paesi, ancora vincolato. In base all'accordo, Ciò è positivo in quanto permetterà una riduzione delle frizioni tra i vertici di Alitalia e quelli di ADR.
Alitalia ha inoltre concluso un accordo con Klm e Northwest che le permetterà di operare con maggiore velocità su alcuni scali negli Stati Uniti, Africa e Medio oriente e fidelizzare meglio la propria clientela. Infine, Alitalia svilupperà un progetto di agenzia on-line con British airways. Ciò permetterà ad Alitalia di recuperare terreno: è infatti l’unica compagnia aerea in tutta Europa ad aver ridotto i passeggeri trasportati nel 1999; i suoi ricavi nel settore passeggeri sono stati di circa 900 miliardi di lire inferiori a quanto previsto. Questo giustifica i conti della società che sono in picchiata: per il ’99 anche noi prevediamo una perdita per azione di 0,08 euro.
Gli accordi in futuro avranno un impatto positivo sulla società e il titolo è correttamente valutato. Ma l'uscita dalla crisi non sarà breve: non acquistate.

ALITALIA

La forte crisi che sta attraversando la società trascina il titolo verso il basso. Non acquistare.

condividi questo articolo