Analisi
Bipop-Carire 17 anni fa - lunedì 20 marzo 2000

BIPOP-CARIRE

Bipop-Carire (128 euro – 247.843 lire) è un gruppo bancario presente coi propri sportelli (225) e promotori finanziari (1140) in una delle regioni più ricche d'Italia. Ha utilizzato l'innovazione finanziaria e lo sviluppo dei servizi di compravendita di titoli tramite Internet – trading on line – per espandersi. Possiede infatti Fineco società che ha visto nuovamente raddoppiare i clienti negli ultimi mesi, passati da 25mila a 50mila. Fineco ha intenzione di potenziare il proprio servizio per garantire la piena operatività in tempo reale senza nessuna interruzione del servizio, inoltre prosegue nella collaborazione con Matrix (Virgilio) per lo sviluppo in Internet. L’accordo potrebbe aprire la strada a ulteriori accordi con Seat, (azionista di controllo di Matrix) il cui data base di clienti sarebbe molto interessante per Bipop. Lo scorso febbraio è stata acquisita I-Bourse (100% del capitale), società di servizi via Internet francese. Con quest'operazione, Bipop-Carire è diventata la prima banca italiana a tuffarsi sul mercato internazionale dei servizi via Internet. Si progettano, anche, ulteriori acquisizioni in Europa meridionale e nei Paesi dell’Est. Il bilancio del ’99 ha chiuso con un utile per azione di 1,6 euro (+74% rispetto al ’98) in linea con le nostre previsioni, mentre il dividendo sarà di 0,51 euro (+ 47% rispetto al '98): un po' più basso di quanto ci aspettavamo.
Le prospettive della banca sono ottime, ma il prezzo di Borsa le sopravvaluta ampiamente e il titolo è caro. Potete però mantenerlo visto il favorevole clima che sta coinvolgendo tutti i titoli bancari.

BIPOP-CARIRE

Il titolo – caro – continua a salire per le iniziative in Internet. Mantenere vista l'attesa crescita del settore bancario.

condividi questo articolo