Analisi
Intro 17 anni fa - lunedì 10 aprile 2000

Perde il Nasdaq (grassetto) e guadagna il Dow Jones. Puntate sui bancari.

TECNOLOGICI IN ROSSO

· Come le precedenti settimane, è l'evoluzione dell'indice dei titoli tecnologici americani (l'ormai celebre Nasdaq) che ha dominato la scena sui mercati finanziari. Dopo un difficile inizio di settimana, il Nasdaq ha chiuso con un ribasso del 2,8%. Il Dow Jones, l'indice rappresentativo della Vecchia Economia ha chiuso al rialzo con un +1,7%. Male le Borse europee: Francoforte –1,6%, Madrid –0,7% e Parigi –0,1%.
· Dopo un inizio settimana negativo, la Borsa di Milano si è ripresa, per chiudere con un
–0,78%. Il comparto bancario mostra segni di vigore. Sanpaolo IMI (acquistare), che ha siglato un accordo con Acea per realizzare alcuni progetti in Piemonte, si aggiudica un +8,9%, mentre il duello tra
Mediobanca (+2% - solo per speculatori) e Banca Intesa, (+ 7,5% - non acquistare) riaccente l'interesse degli investitori su questi due "classici" di Piazza Affari. L'ufficializzazione dell'acquisizione della Banca dell'Umbria fa guadagnare il 6,1% a Rolo Banca (acquistare). Perdono Banca di Roma (-0,1% - acquistare) sulla quale pesa l'istruttoria della Banca d'Italia per la concentrazione col Banco di Sicilia, Bipop Carire (-2,3% - mantenere) e Banca Popolare di Milano (-7,7% - mantenere) la quale non è riuscita ad aggiudicarsi la Popolare di Novara. La peggiore del listino è Mediaset (-17,5% - mantenere), tra i titoli che più incarnano la nuova economia. Parte l'OPV Freedomland: non aderite (i dettagli all'indirizzo www.altroconsumo.it/finanza)
· I mercati finanziari europei hanno risentito della mancata fusione tra
Deutsche Bank e Dresdner Bank. Gli investitori, che avevano grandi riserve sull'operazione, ne hanno approfittato: le azioni Deutsche Bank hanno guadagnato il 13,5%. Mantenere.

condividi questo articolo