Analisi
Prolion 17 anni fa - martedì 4 aprile 2000

PROLION

· Robotica
· Euro.NM (Amsterdam)
· 25,80 EUR

Prolion, azienda olandese produttrice di sistemi automatizzati per la mungitura del bestiame, ha pubblicato i risultati relativi al primo semestre dell'esercizio 1999/2000 (esercizio che si chiuderà il 30 giugno 2000). Il fatturato è salito del 24% rispetto al primo semestre dell'eserczio precedente, raggiungendo i 18,2  milioni di euro. L'utile netto ha toccato 0,18 euro per azione (+  29 %). Queste percentuali sono però ancora lontane dagli obiettivi fissati dalla società per l'intero esercizio: raddoppio sia del fatturato che dell'utile. La ragione principale di questi risultati deludenti risiede nel fatto che le installazioni di sistemi di mungitura presso le fattorie ha subito un rallentamento. Per raggiungere i suoi scopi, Prolion dovrà raddoppiare i suoi sforzi da qui alla fine di giugno e far segnare una crescita del fatturato del 230 % rispetto al secondo semestre dello scorso esercizio. Mentre l'utile dovrà crescere del 325 %. Secondo noi questi traguardi sono molto diffcili da raggiungere, anche se la società olandese ha raggiunto un accordo con Strangko per la distribuzione dei suoi prodotti in tutta la Scandinavia. Anche se il mercato scandinavo presenta un grande numero di fattorie in grado di utilizzare il sistema Prolion (si parla di 25000 installazioni) la concorrenza è molto agguerrita. Il mercato scandinavo è la base di partenza della società svedese Alfa Laval, numero l mondiale nei sistemi di mungitura tradizionale. E anche il numero 2, Westfalia, è ben rappresentato, con una rete di distribuzione presente in tutti i peasi scandinavi. E adesso le due società sono pronte a lanciare i loro sistemi di mungitura automatizzata, in diretta concorrenza a quelli di Prolion.

Il rallentamento nella crescita del fatturato negli ultimi sei mesi del 1999 ha fatto crescere i nostri dubbi sul raggiungimento degli obiettivi previsti dall'azienda. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo