Analisi
Fallita l'OPA di Lafarge su Blue Circle 17 anni fa - lunedì 8 maggio 2000

FALLITA L'OPA DI LAFARGE SU BLUE CIRCLE

Contro ogni previsione, l'Offerta Pubblica di Acquisto di Lafarge su Blue Circle è fallita. Nonostante ciò riteniamo che il titolo Lafarge rimanga interessante per il lungo termine.

· Lanciata nel febbraio di quest'anno, l'OPA della società cementiera Lafarge (91,50 euro) sul suo concorrente inglese Blue Circle si è conclusa, contro ogni aspettativa, con un nulla di fatto. Rivista al rialzo da 420 pence per azione Blue Circle a 450 pence, ritenevamo che gli azionisti britannici si facessero sedurre dall'interessante offerta.
· A questo punto dovrebbe rimanere la delusione di una sconfitta, ma non è poi tutto così nero. Dal momento che la società non ha voluto rilanciare una seconda volta la propria offerta è chiaro che non è disposta a pagare qualsiasi cifra per un'acquisizione. Tutto ciò testimonia la sua volontà di voler creare del valore per l'azionista.
· Per finanziare quest'operazione, Lafarge aveva emesso delle obbligazioni convertibili "Oranes" (vedi Soldi Sette n° 395). Essendo fallita l'offerta, le obbligazioni saranno rimborsate a 74 euro, più un interesse del 5,5% annuo. Il rimborso è previsto per il 20 marzo 2001. Le opzioni collegate alle "Oranes" – la possibilità di acquistare un'azione Lafarge a 74 euro tra il 20 marzo 2000 e il 20 marzo 2001 – verranno mantenute in quanto non subordinate alla riuscita dell'OPA.
· Il fallimento dell'operazione avrà un impatto negativo su Lafarge nel 2001. Modifichiamo pertanto le nostre previsioni di utile per azione per il 2001 a 7,5 euro, contro i 7,9 euro precedenti. Tuttavia, restiamo fiduciosi sulle prospettive di crescita del gruppo e sulla sua capacità di migliorare i risultati. L'azione rimane pertanto all'acquisto, anche se a breve termine potrebbe subire il contraccolpo del fallimento dell'Opa su Blue Circle.

ANDAMENTO DI LAFARGE (in euro)

Il titolo aveva anticipato la riuscita dell'Opa su Blue Circle. Il fallimento dell'operazione potrebbe metterne sotto pressione il prezzo. L'azione rimane tuttavia interessante per il lungo termine.

condividi questo articolo