Analisi
Siemens 17 anni fa - lunedì 8 maggio 2000

SIEMENS

La holding tedesca Siemens (169,10 euro – 327.423 lire; SIEG.F) ha pubblicato dei risultati semestrali (l'esercizio chiuderà il 30/9/2000) migliori del previsto con degli utili (senza elementi straordinari) e un fatturato in crescita rispettivamente del 98% e del 13%. Tutte le divisioni si sono ben comportate, ma l'attività telefonia mobile e la partecipata Infineon (semiconduttori) hanno fatto meglio del previsto. Nella telefonia mobile Siemens conta di vendere 30 milioni di apparecchi quest'anno (11 milioni nel 1999) e 60 milioni il prossimo. Le tecnologie dell'informazione e le telecomunicazioni sono infatti al centro della sua strategia, che guarda anche verso gli USA. Siemens acquisirà l'americano Shared Medical Systems, che integrerà con la sua controllata di ingegneria medica. Tuttavia il gruppo dovrà rafforzarsi nell'high tech se vuole sfidare i giganti del settore come Cisco e Lucent. In quest'ottica non è da escludere che Siemens venda nel tempo tutte le attività industriali per raccogliere fondi e accrescere la redditività. Certo ciò favorirebbe la salita del titolo e il gruppo potrebbe finanziare le acquisizioni tramite scambio di azioni. E se resta da chiarire cosa lo abbia spinto a acquisire Atecs (attività industriale di Mannesmann) non è neppure detto che Siemens, interessato soprattutto alla divisione auto VOD, ne mantenga tutte le attività.
Prevediamo un utile per azione di 3,9 euro per il 1999/2000 (+48%) e di 4,8 euro il 2000/2001 (+23%). L'azione è correttamente valutata e redditività del gruppo potrebbe beneficiare dell'eventuale vendita delle attività non high tech. Acquistare.

SIEMENS (in euro)

Il miglioramento della redditività dovrebbe sostenere la salita del titolo. Acquistare.

condividi questo articolo