Analisi
IBt 17 anni fa - mercoledì 14 giugno 2000

IBt

· Biotecnologie
· Bruxelles (Euro.NM)
· 11,50 euro

IBt, produttore belga di impianti radioterapeutici per il trattamento del cancro alla prostata tramite le brachiterapia, ha chiuso il primo trimestre dell'anno con vendite pari 164 000 euro e una perdita di 1,37 milioni di euro (1,14 milioni di euro, nello stesso periodo dell'anno precedente). Questo fatturato, ottenuto in gran parte grazie alla vendita degli impianti al palladio negli Stati Uniti, non è stato quindi sufficiente a coprire le spese. Nei fatti IBt vende due tipi di impianti: al palladio e allo iodio. La commercializzazione dei primi è iniziata solo nel corso del primo trimestre (sono stati ben accolti dai centri medici americani) mentre per la vendita degli impianti allo iodio IBt ha appena ottenuto l'approvazione alla vendita da parte delle autorità americane e la commercializzazione dovrebbe iniziare nel terzo trimestre. Il mercato oltre Atlantico, il solo dove IBt sta vendendo in questo momento, rappresenta il 90% dei trattamenti del cancro alla prostata tramite le brachiterapia ma è molto concorrenziale e i 4 principali concorrenti di IBt, tra cui Theragenics, sono già presenti. Fuori dagli Stati Uniti la brachiterapia è ancora poco utilizzata : il 10% dei restanti trattamenti sono ripartiti tra l'Asia, l'Europa e l'America Latina. In Europa, Ibt dovrebbe ottenere l'autorizzazione alla vendita prima degli impianti al palladio e poi di quelli allo iodio. Nonostante l'aumento delle vendite previsto per la seconda parte dell'anno (la società prevede di raggiungere i 2,45 milioni di euro di vendite per l'anno), l'anno in corso si concluderà in perdita, mentre i primi utili non saranno disponibili che nel 2001.

Benché IBt sia ben posizionata in un mercato in crescita (+30 % all'anno), secondo noi l'azione è cara rispetto al suo principale concorrente, l'americana Theragenics. NON ACQUISTARE.

condividi questo articolo